Iscriviti

Brindisi, spara ad un colombo torraiolo: bracconiere raggiunto dai carabinieri e denunciato

L'episodio si è verificato ieri pomeriggio a Cellino San Marco, in provincia di Brindisi. A scoprire il tutto sono stati i carabinieri della sezione forestale di Brindisi impegnati in un giro di pattugliamento per le campagne. Arma e capo abbattuto sequestrati.

Natura e Animali
Pubblicato il 18 novembre 2021, alle ore 16:31

Mi piace
0
0
Brindisi, spara ad un colombo torraiolo: bracconiere raggiunto dai carabinieri e denunciato

Stavano cacciando delle specie volatili protette, quando ad un tratto i carabinieri hanno udito degli spari e sono piombati lì dove si trovavano tre persone, impegnate appunto in attività di caccia nelle campagne di Cellino San Marco, in provincia di Brindisi. A finire nei guai è stato un bracconiere, colto in flagranza di reato in quanto aveva appena sparato e colpito, uccidendolo, un colombo torraiolo. Si tratta di un volatile appunto protetto. Una volta sul posto i militari hanno proceduto ad identificare i tre soggetti. 

I controlli hanno riguardato il possesso della licenza regionale di caccia, la licenza di porto d’arma da fuoco e l’assicurazione. Pareva che tutto fosse in regola, quando all’improvviso uno degli operanti ha notato qualcosa che era stato nascosto sotto la vegetazione. I carabinieri hanno guardate bene scoprendo che c’era il colombo ormai quasi esanime. Per il bracconiere è scattata immediatamente una denuncia venendo deferito così alla Procura della Repubblica di Brindisi. 

Controlli serrati

In questo periodo, da quando in Puglia si è aperta la stagione della caccia, sono molto intensi i controlli dei carabinieri, che avvengono nell’arco di tutta la giornata, specialmente al tramonto. Proprio in quell’arco temporale, e all’alba, i cacciatori cominciano a girovagare per boschi e campagne per catturare le prede. 

Non tutti però operano in maniera seria e diligente, c’è sempre qualcuno che contravviene alle regole. Sono già 14 le denunce elevate nei confronti di altrettanti cittadini nel brindisino da quando si è aperta la stagione venatoria. Alcuni bracconieri sono stati sorpresi addirittura a cacciare in aree naturalistiche protette.

I controlli proseguiranno anche nelle prossime settimane e ogni giorno, questo al fine di scongiurare danni all’ecosistema. Cacciare in maniera illecita è infatti un reato che è perseguito penalmente. Per motivi di privacy preferiamo non rendere note le generalità del bracconiere denunciato a Cellino San Marco.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Questi episodi ci fanno capire di come sia poca la gente che rispetta le norme sulla caccia, per questo i carabinieri sono sempre attenti a contrastare il fenomeno della caccia illecita. Ogni anno molte specie protette vengono uccise dai cacciatori, che ovviamente poi rispondono in tribunale dei loro gesti. Bisogna avere rispetto per le regole.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!