Iscriviti

Al guinzaglio sul balcone: gatto salvato a Roma

I vicini di casa hanno segnalato la situazione drammatica in cui si trovava un gatto, legato ad un guinzaglio su un balcone dai suoi padroni che sono andati in ferie. L'intervento delle guardie zoofile ha salvato il piccolo quattrozampe.

Natura e Animali
Pubblicato il 7 agosto 2018, alle ore 12:21

Mi piace
18
0
Al guinzaglio sul balcone: gatto salvato a Roma

A Roma, nel quartiere Boccea, in via Palombini, gli uomini della Polizia e le guardie zoofile sono state impegnate in un intervento non semplice che ha riguardato il salvataggio di un gatto, lasciato dai suoi padroni nelle condizioni peggiori possibili in questo caldo periodo estivo: da solo sul proprio balcone.

Proprio perché si tratta di un gatto, di un animale in grado di muoversi liberamente e con indipendenza, i suoi proprietari gli hanno impedito di fuggire in ogni modo, adottando uno stratagemma terribile per un felino domestico: legandolo ad un guinzaglio per cani, di modo che non potesse più muoversi dalla balconata.

In questo modo il piccolo quattrozampe non si sarebbe potuto muovere liberamente da un balcone all’altro, fino a scendere fino al livello del terreno e vagare per il quartiere in cerca di ombra, altri gatti e di cibo; questa tortura poteva mettere fine alla vita dell’animale, che con il caldo di questo periodo, si sarebbe disidratato nel giro di pochissimi giorni.

I vicini di casa, per sua fortuna, hanno chiamato le persone competenti che prima hanno controllato la situazione e che successivamente sono tornate sul luogo con un mandato giudiziario per salire fino al livello del balcone e liberare il gattino dalla sua prigionia, prendendolo con loro e sequestrandolo ai suoi ormai ex-familiari umani.

Il gatto è stato portato nel gattile del quartiere di Muratella e qui verrà curato, dopodiché sarà messo in adozione, a disposizione di una famiglia che dia per lui la libertà che i suoi ex-padroni, divenuti “carcerieri”. avevano a lui negato in questa estate.

Per gli ex proprietari del micio è stato disposto un provvedimento che li accusa della violazione dell’articolo 727 del codice penale, quello che prevede il maltrattamento sugli animali, che potrà costare loro nei limiti di un’ammenda da 1.000 a 10.000 euro e con l’arresto fino ad un anno, nel caso in cui la giustizia confermi i capi di imputazione pendenti su di loro.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Un gatto, un animale molto indipendente, poteva anche essere lasciato su un balcone, di modo che da lì potesse spostarsi con i suoi balzi sugli altri balconi oppure fino al piano terra, per gironzolare. I suoi padroni, invece, lo hanno legato, mettendo a rischio la sua vita. Non capisco nemmeno per un istante il senso di questo gesto. Per un gatto quest è la massima delle torture. Il gesto incosciente (o studiato) di queste persone deve essere assolutamente punito dalla legge.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!