Iscriviti

Addio allergie: in futuro nasceranno gatti "ipoallergenici"

Due aziende statunitensi hanno brevettato una tecnica genetica per far nascere dei gatti che non comportino allergia al pelo per i proprietari che ne soffrono. Resta da sperimentare ancora lo stato di salute dei felini nati con questa tecnica.

Natura e Animali
Pubblicato il 23 luglio 2018, alle ore 15:33

Mi piace
15
0
Addio allergie: in futuro nasceranno gatti "ipoallergenici"

Una tecnica innovativa, denominata Crispr, è la nuova frontiera della scienza genetica che potrebbe aprire le porte alla nascità di un nuovo tipo di gatto, un esemplare unico in tutti i sensi, comune in tutti gli altri; l’animale, ovvero, sarebbe del tutto simile esteriormente e come comportamento ai suoi simili, a parte il fatto di risultare “ipoallergenico”.

La Mit Technology Review, una importante rivista scientifica, fa sapere che due aziende degli Stati Uniti sono pronte a brevettare la nuova scoperta; nel caso positivo in cui gli ultimi esperimenti e test risultino fruttuosi, presto gli amanti dei gatti potrebbero abbracciare i loro compagni di giochi e di vita senza il rischio di incorrere nelle conseguenze dell’allergia da pelo.

La tecnica genetica con cui verranno messi alla luce questi “gatti del futuro” è per l’appunto la Crispr, che viene definita più volgarmente il “copia e incolla” del DNA. Questa operazione da laboratorio riesce nel suo intento nel momento in cui viene eliminata dai geni la produzione della proteina denominata “FelD1”, che risulta responsabile dell’allergia da pelo.

Le due industrie responsabili di questo progetto avvenieristico, Indoor Biotechnologies e Felix Pets, stanno per l’appunto studiando questo ultimo processo, fondamentale per rendere i gatti ipoallergenici: la proteina FelD1, in quanto prodotta, potrebbe avere una funzione importante ed è quindi il caso di studiare le conseguenze della sua assenza su esemplari di gatto sviluppati.

Tale proteina è presente in quantità molto maggiori negli esemplari gatti maschi rispetto alle femmine, quindi è necessario prolungare i test sugli esemplari maschili. Nel caso questi gatti abbiano uno sviluppo del corpo regolare ed una vita senza problemi di salute, si procederebbe alla creazione di embrioni e di esemplari di gatto dal pelo ipoallergenico.

In ogni caso, anche questi ultimi test paiono essere in fase piuttosto avanzata e pronti per dare agli scienziati ed ai genetisti le risposte che attendono da molti anni. In caso positivo, per il mondo dei felini domestici si aprirebbe una era rivoluzionaria e del tutto sconosciuta a Madre Natura.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - La scienza genetica è sempre sul filo del rasoio tra l'etica positiva e la creazione di qualcosa che possa risultare alieno e fasullo al mondo naturale. Se i test conclusivi risultassero soddisfacenti, questi scienziati potrebbero far nascere dei gatti che permetterebbero a persone che soffrono di allergia da pelo di poterli abbracciare. La salute dei gatti è però fondamentale come la loro integrità fisica ed è quello che stanno studiando questi genetisti. Se tutto andrà a buon fine, avremmo sicuramente una risposta etica e sostenibile dalla genetica moderna e d'avanguardia.

Lascia un tuo commento
Commenti
Daniela Marella
Daniela Marella

23 luglio 2018 - 16:29:43

Lasciamo in pace la natura

0
Rispondi