Iscriviti

ZTE: di nuovo alla ribalta con una tripletta di smartphone entry level

Dopo una certo periodo di assenza dai rumors hi-tech, torna a far parlare di sé il brand ZTE che, nel corso della settimana, ha presentato un terzetto di nuovi smartphone di fascia bassa per il mercato a stelle e strisce: ecco di cosa si tratta.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 10 novembre 2019, alle ore 21:47

Mi piace
5
0
ZTE: di nuovo alla ribalta con una tripletta di smartphone entry level

ZTE, uno dei primi brand ad essere colpiti dal ban di Trump, torna alla carica con un terzetto di smartphone di fascia bassa, formato dalla coppia di gemelli diversi ZTE Blade 10 e Blade 10 Prime, identici, se non per le frequenze supportate dal 4G/LTE cat. 6, e dal Blade A7 Prime.

All’interno del telaio (158 x 75.2 x 8 mm) in color nero, ZTE Blade 10 – già prezzato negli USA a 179 dollari – colloca una batteria non removibile da 3.200 mAh, caricabile via microUSB Type-C, incaricata di energizzare l’hardware di bordo. Quest’ultimo, in tema di segmento multimediale, principia frontalmente con la selfiecamera da 16 megapixel, contenuta nel notch a goccia, e col display LCD IPS, esteso panoramicamente a 19:9, da 6.3 pollici, con risoluzione FullHD+. Posteriormente, ove spicca il centrale scanner per le impronte digitali, non manca una doppia fotocamera, da 16 (f/2.0) + 5 (profondità, f/2.2) megapixel: ancora in tema di multimedialità, giova ricordare la presenza del jack da 3.5 mm per le cuffie cablate. 

Il motore elaborativo dello ZTE Blade 10 è l’octacore (2 GHz) Helio P60 di MediaTek, posto in coppia con la GPU ARM Mali G72 MP3: la RAM ammonta a 3 GB, mentre 64 (espandibili) ne conta lo storage, sul quale risiede il sistema operativo Android Pie

Diverso è il caso del Blade A7 Time, che sostanzialmente può essere considerato il fratello minore del primo smartphone, viste le dimensioni (156.7 x 72.8 x 8.1 mm), e la presenza di un più compatto display da 6.09 pollici con risoluzione HD+ (col plus dovuto allo spazio garantito dal notch, al quale spetta il compito d’ospitare la selfiecamera, da 5 megapixel). Sempre munito di uno scanner per le impronte digitali posto sul retro, nella coverback pone anche una monocamera laterale, da 16 (f/2.0) megapixel, col relativo Flash LED nel medesimo semaforo verticale. 

La RAM dello ZTE Blade A7 Prime, in procinto d’esordire negli USA a 99 dollari, è sempre da 3 GB, ma lo storage espandibile, sul quale troneggia il sistema operativo Android Pie sotto interfaccia MiFavor 9.1, cala della metà, a 32 GB: ambedue le pezzature mnemoniche sono al servizio del processore octacore (2 GHz) MediaTek Helio A22, e della scheda grafic IMG PowerVR GE. La batteria, sempre da 3.200 mAh, conferma la ricarica attraverso la porta Type-C, presente nel roster delle connettività assieme a Wi-Fi, 4G cat 4, Bluetooth, GPS, e jack da 3.5 mm

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Ormai, 32 GB di storage sono davvero pochi ma, considerando anche il prezzo, lo ZTE Blade A7 Prime può definirsi un buon muletto, completo anche di scanner per le impronte digitali e di un design moderno: meglio, però, risulta essere lo ZTE Blade 10 (Prime e non) che, quanto a spazio d'archiviazione, ha molto più da dire, come sulla risoluzione del display, almeno FullHD+.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!