Iscriviti

Xiaomi Mi 10 Ultra: cameraphone da 120x con gaming display e ricarica a 120W

L'atteso evento tenuto da Xiaomi per celebrare i suoi 10 anni di vita e i tanti risultati ottenuti (422° per fatturato nella classifica Fortune Global 500) ha visto scendere in campo il nuovo top gamma Mi 10 Ultra "Commemorative Edition"

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 11 agosto 2020, alle ore 16:57

Mi piace
7
0
Xiaomi Mi 10 Ultra: cameraphone da 120x con gaming display e ricarica a 120W

Dal campus Xiaomi in Cina è andato in onda l’atteso evento con cui l’azienda del co-founder Lei Jun, mattatore della kermesse, ha presentato, davanti a un pubblico ovviamente munito di mascherina, il nuovo flagship dell’azienda che, concepito per celebrare i 10 anni di vita dell’azienda, è rappresentato dallo Xiaomi Mi 10 Ultra, versione Commemorative Edition dell’omonimo top gamma visto lo scorso Febbraio

Disponibile in 3 versioni estetiche, tra cui la trasparente Explorer Edition, quella in ceramica nera, e quella in argento con effetto specchiato, lo Xiaomi Mi 10 Ultra (162.38 x 75.04 x 9.5 mm, per 221.8 grammi) monta un display curvo ai bordi, formato da un pannello AMOLED (quindi con scanner biometrico sottostante) da 6.67 pollici risoluto in FullHD+ (394 PPI) secondo un aspetto panoramico a 20:9, ben visibile all’aperto essendo molto luminoso (1.220 nits), fedele (Delta E < 1.0, JNDC < 0.63) nella resa cromatica delle immagini (profondità a 10 bit, HDR10+, scala colore DCI-P3), ben contrastato (5.000.000:1), fluido nei video (MEMC), particolarmente adatto al gaming (120 HZ di refresh rate, 240 Hz frequenza di campionamento).

Sempre in ambito visuale, la selfiecamera, inserita in un foro in alto a sinistra, arriva a 20 megapixel, mentre sul retro è presente, in un lingotto arrotondato, una quadcamera, idonea anche a macro da 2.5 cm, a girare video in 8K@30fps, con modalità Super Moon per immortalare la Luna: a livello tecnico, presente un Flash Dual LED e un sensore multi-spettrale per rilevare la temperatura del colore, il modulo principale da 48 (1/1,32″ pari a un sensore da 25 mm, f/1.85, messa a fuoco fasica, stabilizzazione ottica ed elettronica, pixel binning per pixel da 2,4 micron, HDR, tecnologia ISO Fusion) lavora con uno telescopico (zoom ottico 2x) da 12 ( 1/2,56″ equivalente a 50 mm, f/2.0, messa a fuoco automatica dual pixel, pixel da 1,4 micron), con uno periscopico (zoom ottico 10x, ultrazoom da 120x evidenziato da un’argentatura esterna in stile fotocamere retrò) da 48 (1/2″ corrispondenti a 120 mm, f/4,1, stabilizzazione ottica ed elettronica, messa a fuoco fasica) e con un ultragrandangolare (128°) da 20 (f/2.2, sensore 1/2,8″ corrispondente a 12 mm, messa a fuoco fasica). Lato audio, sono presenti due speraker stereo con output Hi-Res che, stante anche la presenza di un migliorato motorino vibrazionale, contribuiscono a un ottimo coinvolgimento multi-sensoriale. 

Il motore del Mi 10 Ultra di Xiaomi, tenuto a bada da un raffreddamento a liquido, è costituito dal processore Qualcomm Snapdragon 865 e dalla GPU Qualcomm Adreno 650, mentre la RAM, sino a 16 GB di tipo LPDDR5, e lo storage non espandibile, sino a 512 GB in UFS 3.1, danno vita a diverse configurazioni a seconda della variante estetica scelta: nello specifico, la versione trasparente costerà 5.299 yuan (648 euro) per 8+128 GB, 5.599 yuan (o 685 euro) per 8+256 GB, e 5.999 yuan (734 euro) per 12+256 GB. Optando per quella a argentata con effetto specchio, disponibile solo in 16+512 GB, occorrerà metter mano a 6.999 yuan (o 856 euro), mentre maggiore varietà di scelta vi sarà per quella in ceramica nera, con 12+256 GB prezzati a 5.999 yuan (o 734 euro), 8+128 GB a 5.299 yuan (o 648 euro), 8+256 GB a 5.599 yuan (o 685 euro), e 16+512GB a 6.999 yuan (o 856 euro)

Presente il Dual SIM, l’emettitore d’infrarossi, il Bluetooth 5.1, il 4 e 5G (standalone e non), il Wi-Fi 6 (magari da usare con il modem Xiaomi ax3600), il GPS dual frequency (BeiDou, Galileo, QZSS, Glonass), l’NFC, è attraverso una microUSB Type-C che nel Mi 10 Ultra si ricarica la batteria, da 4.500 mAh, suddivisa in 2 celle per supportare la ricarica rapida a 120W (da 0 a 100 in 23 minuti), abilitata anche a gestire una ricarica veloce (50W, completa in 40 minuti) wireless, potendo ricaricare per contatto altri device (ricarica wireless inversa, a 10W). 

Assieme al top gamma in questione, animato da Android 10 sotto interfaccia MIUI 12, Xiaomi ha presentato anche alcuni accessori ad hoc, come un caricatore da auto (100W) a 99 yuan (12 euro), e una basetta di ricarica (55W) a 199 yuan (24 euro).

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Caspita. Lo Xiaomi Mi 10 è decisamente mostruoso e non per l'estetica, di cui ho apprezzato molto il tocco vintage sul retro per esaltare il modulo periscopico. Il settore visuale, tra schermo e fotocamere è incredibile, sulla carta, e al device non manca nulla né a livello connettivo né in ambito elaborativo. Certo, considerando che alcune voci della vigilia parlavano di selfiecamera under display il discorso cambia...

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!