Iscriviti

PinePhone Pro Explorer Edition: ufficiale il low cost sicuro con Linux mobile

Dopo un periodo "sperimentale", il nuovo smartphone PinePhone Pro, basato su Linux con KDE Plasma Mobile, è pronto all'esordio sul mercato, in Explorer Edition.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 12 gennaio 2022, alle ore 01:34

Mi piace
1
0
PinePhone Pro Explorer Edition: ufficiale il low cost sicuro con Linux mobile

A poco più di due anni di distanza dal primo modello, la honkonghiana Pine Store Limited, nota per i suoi terminali Linux Arm Based, ma anche per un telefono facilmente aggiornabile, attento alla privacy e open source nei software supportati, ha annunciato l’avvio dei pre-ordini per il migliorato PinePhone Pro che, dopo la variante semplice distribuita come prototipo agli sviluppatori di app, ora è pronto per le masse, attraverso la Explorer Edition.

Il nuovo PinePhone Pro Explorer Edition (160.8 x 76.6 x 11.1 mm, per 220 grammi) ha lo stesso design del modello datato Novembre 2020, tal che se ne possono usare gli stessi accessori in proprio possesso, trasformandolo ad esempio in un netbook tramite l’apposita cover con tastierina: a tutelare la privacy dei suoi utilizzatori, scongiurando il pericolo di intercettazioni ambientali o di spionaggio, vi saranno, ancora una volta, interruttori meccanici per spegnere il microfono, il modem (citato poco oltre), e la fotocamera.

Di base, il PinePhone Pro Explorer Edition colloca frontalmente, dietro un vetro protettivo Gorilla Glass 4, un display LCD IPS da 6.0 pollici, risoluto a 1440 x 720 pixel, quindi HD, con aspect ratio a 18:9: nella spessa cornice alta, è collocata una selfiecamera, da 8 megapixel, grazie al relativo sensore OmniVision OV8858. Dietro, sulla coverback in plastica removibile, sullo spallino di sinistra un pillolotto orizzontale ospita il Flash LED e una monocamera posteriore, da 13 megapixel, grazie al sensore Sony IMX258. Sul versante sonoro, sono da annotare invece lo speaker mono, e il mini-jack da 3.5 mm per le cuffie e gli auricolari cablati. 

Ad animarlo è un processore che vide la luce al CES 2016, l’esacore Rockchip RK3399 da 1.5 GHz massimi (via core performanti A53), coadiuvato dall’annessa scheda grafica ARM Mali-T860 MP4 (da 500 MHz): la RAM si ferma a 4 GB, ma lo storage, eMMC, arriva fino a 128 GB e, in più, via microSD, può spingersi anche a guadagnare altri 2 TB extra

Tra le connettività dello smartphone PinePhone Pro Explorer Edition, provvisto di una removibile batteria da 2.800 mAh caricabile rapidamente a 15W via microUSB Type-C con supporto al Power Delivery, figurano il Wi-Fi ac, il Bluetooth 4.1 e, avvalendosi del modem OmniVision OV8858, il 4G LTE: chiudono le specifiche tecniche del device il sistema operativo (Linux), a scelta – con KDE Plasma Mobile – tra le distribuzioni Arch Linux, postmarketOS, NixOS, Mobian (a base Debian), Manjaro e LuneOS (spin-off open source del webOS di HP/Palm).

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Di smartphone che si qualificano come iper sicuri, da qualche anno capita di vederne sempre di più, basi pensare anche al SIKURPhone. Il problema è che smartphone di questo tipo, che dovrebbero far scuola e affermarsi, restano quasi sempre relegati a una nicchia di appassionati e competenti, risultando praticamente invisibili ai radar di settore

Lascia un tuo commento
Commenti
Jessica Pelligra
Jessica Pelligra

12 gennaio 2022 - 18:41:10

Concordo con il tuo pensiero, purtroppo troppo spesso l'utente medio si basa unicamente sulle grandi marche e su ciò che conosce superficialmente prima a scapito dell'effettiva qualità del prodotto.

0
Rispondi