Iscriviti

iPhone XS e XS Max sono troppo grandi? Sì, almeno secondo le femministe inglesi

È emersa, in questi ultimi giorni, l'insolita protesta delle femministe inglesi contro Apple. Secondo il movimento, le dimensioni degli iPhone moderni sarebbero troppo grandi e, quindi, non adatte alle piccole mani delle donne.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 21 settembre 2018, alle ore 23:45

Mi piace
0
0
iPhone XS e XS Max sono troppo grandi? Sì, almeno secondo le femministe inglesi

Non sono passati molti giorni dalla presentazione ufficiale al grande pubblico dei nuovi iPhone, noti con i nomi di iPhone XS e XS Max (oltre ad iPhone XR). Questi iPhone, per molti versi, rappresentano un semplice miglioramento rispetto ai modelli presentati l’anno scorso, sebbene questo fattore non abbia limitato la domanda da parte dei clienti (a Milano, per fare un esempio, i clienti sono rimasti in coda per molte ore per poter acquistrare il nuovo smartphone di Cupertino).

Tuttavia, non tutto è oro ciò che luccica: molti criticano il prezzo di questi smartphone che, rispetto alla concorrenza, appaiono alquanto esagerati (quasi 1700 euro per la versione più costosa proposta al grande pubblico). Oltre a ciò, emergono anche critiche piuttosto singolari e che, spesso e volentieri non vengono prese in considerazione da parte delle aziende. Sta facendo discutere però, in queste ultime ore, una protesta portata avanti dal movimento delle femministe inglesi.

Secondo questo movimento, le dimensioni dei nuovi iPhone (le quali, ricordiamo, ammontano a 5,8 pollici per la versione normale e 6,5 pollici per la versione Max) sarebbero eccessive e non adatte alle mani delle donne, generalmente più minute rispetto a quelle del pubblico maschile. Quanto chiesto consisterebbe, in sintesi, nella commercializzazione di uno smartphone avente dimensioni più ridotte che si adattino, quindi, ai gusti di un diverso tipo di clientela.

Tale protesta assume un’importanza ancora maggiore nel momento in cui si considera l’intervento della deputata laburista Jess Philips, la quale sostiene che “la Mela dovrebbe pensare anche alle donne quando sviluppa i suoi iPhone e che in generale tutte le aziende debbano riconoscere che la loro idea di normalità deve tenere conto di tutti i clienti”. 

Degna di nota, inoltre, è la rimozione dal mercato di iPhone SE, il quale si presentava come l’unico smartphone di Apple ancora in commercio ad avere una diagonale pari a 4 pollici. Insomma, la critica dovrebbe essere rivolta più in generale a tutti i produttori di smartphone, ai quali si consiglia di presentare una rosa di prodotti più ‘larga’ ed adatta ai gusti di tutti i clienti.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabio Attardo

Fabio Attardo - La protesta portata avanti dal movimento delle Femministe Inglesi deve destare particolare attenzione. Sebbene queste critiche appaiano alquanto insolite, riflettono le problematiche correlate alla pubblicazione di smartphone aventi una diagonale particolarmente ampia. Pare, infatti, che questa caratteristica non incontri il favore di tutti i clienti, alcuni dei quali non riuscirebbero ad utilizzare il proprio telefono agevolmente. Resta da vedere quale sarà la successiva risposta delle aziende, le quali dovrebbero tenere in considerazione i temi portati avanti da questa protesta.

Lascia un tuo commento
Commenti
Guangi Kravec
Guangi Kravec

22 settembre 2018 - 12:52:02

Иге 3 ( http://www.deviceranking.it/phone/12621/smartisan-nut-3 ) molto meglio del nuovo iphone

0
Rispondi
Guangi Kravec
Fabio Attardo

22 settembre 2018 - 19:52:24

Per quanto riguarda il rapporto qualità/prezzo nulla da dire. Il problema, più che altro, è il livello di assistenza. Se non c'è una garanzia almeno europea, si rischia di prenderla in quel posto in caso di problemi. A quel punto uno preferirebbe device prodotti da Xiaomi, per esempio: simili per rapporto qualità/prezzo ma sicuramente più supportati da un punto di vista dell'assistenza (soprattutto da quando sono sbarcati ufficialmente in Italia).

0