Iscriviti

Iliad non risconosciuta da Tim: un bug addebita costi aggiuntivi

Un problema tecnico di Tim fa sì che l'utente riceva un addebito per chiamate verso numeri ''portoghesi'' che in realtà sono numeri Iliad con Sim italiana.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 3 giugno 2018, alle ore 18:09

Mi piace
4
0
Iliad non risconosciuta da Tim: un bug addebita costi aggiuntivi

Da meno di una settimana non si fa che parlare di Iliad, la famosissima compagnia telefonica francese che è arrivata in Italia con offerte molto allettanti e che potrebbe dare filo da torcere ai big della telefonia, come Tim, Vodafone, Tre e Wind.

In questi giorni sono avviate delle pratiche di ”rodaggio” da parte della società francese, ma anche quelle nostrane non se la passano nel migliore dei modi. Nello specifico, è stato segnalato di recente un bug, ovvero un problema tecnico, proprio da parte di Tim

Tim non riconosce i numeri Iliad

Il problema che affligge Tim sembra essere molto più grave di quanto possa inizialmente apparire: nello specifico, non funziona il riconoscimento dei numeri associati alle sim Iliad. 

Al quarto operatore nazionale è stato assegnato il prefisso 351 e questo ha creato qualche problema non solo con Tim (che è ancora in fase di risoluzione) ma, inizialmente, anche con Vodafone. Infatti, le telefonate ricevute con il prefisso 351, vengono scambiare per chiamate internazionali provenienti dal Portogallo, che ha come prefisso nazionale proprio il +351. In questo modo, sia mittente che destinatario ricevono un addebito dei costi sul credito della propria Sim.

Questo particolare problema si verifica quando non viene digitato il +39 avanti al numero del contatto con cui stiamo cercando di comunicare. Infatti, segnando +39, la Sim riconosce il prefisso italiano e sembra funzionare tutto correttamente. Quanto appena detto, quindi, rappresenta la soluzione temporanea finché Tim non risolverà il problema in maniera del tutto definitiva.

A differenza di quest’ultima, che provvederà a rimborsare tutti i clienti che hanno pagato dei soldi in più, Vodafone ha già risolto il problema. Non c’è da preoccuparsi più di tanto, perché il problema verrà sicuramente risolto: è giusto una curiosità di cosa può accadere quando un nuovo brand entra in un qualsiasi mercato.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - È normale che inizialmente ci siano dei problemi di compatibilità tra le varie compagnie. L'importante è che sia risolvibile, e che i soldi versati in più dagli utenti siano effettivamente rimborsati, come citato da Tim. Non ci resta che aspettare i prossimi giorni per vedere l'andamento della situazione, e scoprire se effettivamente gli utenti si troveranno bene con la nuova compagnia.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!