Iscriviti

Huawei: l’alternativa al Play Store è Aptoide. Possibile accordo in arrivo

Huawei potrebbe chiudere l'accordo per preinstallare sui propri smartphone e tablet lo store di Aptoide, alternativo al Play Store di Google. Ecco tutti i dettagli.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 24 maggio 2019, alle ore 19:39

Mi piace
7
0
Huawei: l’alternativa al Play Store è Aptoide. Possibile accordo in arrivo

Una delle notizie che più ha fatto il giro del mondo è stata la separazione tra Google e Huawei, con la prima che è stata costretta, dal documento firmato da Trump, a chiudere la collaborazione con il colosso cinese. Dunque, tra le ipotesi di un possibile futuro, c’era la sensazione comune che Huawei avrebbe riscontrato non pochi problemi perché i servizi di Google sono pressoché indispensabili.

Ma così non sembra essere: dopo tre giorni dalla “scissione”, Huawei è già pronta a chiudere un accordo con Aptoide, uno store alternativo al Play Store di Google, che include oltre 900 mila applicazioni e giochi, con diverse esclusive applicative cancellate dallo store di Google in passato. 

Collaborazione tra Huawei e Aptoide in arrivo?

A dare la notizia è stato proprio il numero uno di Aptoide, Paulo Trezentos, che ha confermato come il tutto sia ancora in divenire, sebbene le due aziende rimangano in contatto per trovare un accordo. È questo quello che potrebbe essere definito piano B, la tanto attesa mossa strategica di Huawei per non perdere colpi sul mercato.

Concludere un accordo con un altro store era la strategia più veloce per questi primi mesi dal termine della collaborazione con Google. Magari, con il tempo Huawei, potrebbe provvedere a portare sul mercato degli smartphone un sistema operativo completamente nuovo, senza il rischio di creare in fretta da zero un software che potrebbe presentare diversi problemi di stabilità o bug.

Huawei vorrebbe, però, fare qualcosa in più, in pieno stile Apple. Ovvero creare un vero e proprio “network” in cui i dispositivi possano comunicare tra loro. Come store esiste anche App Gallery, interamente creata dalla casa produttrice cinese ma, tuttavia, le applicazioni che ospita sono ancora molto poche e ciò non consentirebbe un’adeguata competizione sul mercato degli smartphone e dei tablet. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - Il colmo sarebbe che Huawei riuscisse a dare filo da torcere a Google, anche se non basta solo uno store aggiornato per tenere testa ai servizi offerti dal colosso di Mountain View. Esistono Gmail, Google Drive, YouTube, e tanti altri servizi più professionali, come Google Trends o Google Analytics.

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Ferrara
Fabrizio Ferrara

27 maggio 2019 - 01:07:01

Alla fine si risolverà tutto a tarallucci e vino, basterà che la Cina faccia qualche sconto agli USA sui debiti che questi ultimi hanno con gli asiatici.

0
Rispondi
Francesco Menna
Francesco Menna

26 maggio 2019 - 22:16:38

Ah si, sicuramente, prima di ufficializzare una collaborazione, pure secondo me andrebbe pulita

0
Rispondi
Emanuele Novizio
Emanuele Novizio

24 maggio 2019 - 21:02:56

Ma Aptoide non è illegale? Ci sono giochi che sul Play Store sono a pagamento, mentre lì no.

0
Rispondi
Emanuele Novizio
Francesco Menna

25 maggio 2019 - 16:20:26

L'app in sé non è illegale. È l'utilizzo che ne fanno alcuni che è illegale. Funziona un po' come la IPTV

0
Emanuele Novizio
Fabrizio Ferrara

26 maggio 2019 - 20:14:48

Me lo sono chiesto pure io.

0
Emanuele Novizio
Emanuele Novizio

26 maggio 2019 - 21:23:17

Sì, ma ci sono decine di app illegali. Credo dovrebbero fare prima una gran pulizia. E non credo che gli sviluppatori come 2K, EA ecc siano molto felici per questa notizia.

0