Iscriviti

Google ha deciso di chiudere ogni rapporto con Huawei. Dopo poco tempo, anche Intel e Qualcomm seguono tale iniziativa

Si tratta di una notizia dell'ultima ora: Google avrebbe deciso di interrompere tutti i propri servizi (ad eccezione di quelli basati su codice open source) sugli smartphone Huawei. Anche Intel e Qualcomm hanno deciso di seguire una strada simile.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 20 maggio 2019, alle ore 12:35

Mi piace
4
0
Google ha deciso di chiudere ogni rapporto con Huawei. Dopo poco tempo, anche Intel e Qualcomm seguono tale iniziativa

Che i rapporti tra il governo americano e quello cinese non siano dei migliori è un fatto noto da molto tempo. Da svariati mesi l’amministrazione Trump attacca continuamente i leader cinesi nel settore delle telecomunicazioni, posto spettante a Huawei (osteggiata dal presidente americano sin dallo scorso Novembre) e ZTE (quest’ultima tornata in commercio negli States solo da fine 2018). In particolare, secondo il governo americano i dispositivi prodotti da queste aziende sarebbero la causa di fantomatiche intercettazioni. In realtà, il quadro è ben più complesso e necessiterebbe di essere meglio approfondito, ma la notizia di oggi si focalizza su un altro aspetto, ugualmente importante.

Stando a quanto emerso nelle ultime ore, pare che Google (e svariati produttori hardware e software americani) abbia preso una seria decisione in questa ‘faida’ tra i due governi. Se quanto scriveremo qui di seguito, riportato da Reuters, dovesse essere confermato, ci troveremo davanti ad una serie di cambiamenti non di poco conto.

Google sospende tutti i propri servizi erogati su smartphone di Huawei

Tale notizia potrebbe importare tutti coloro che posseggono uno smartphone targato Huawei. Stando a quanto emerso, pare che Google abbia deciso di ‘seguire’ quanto intrapreso dall’amministrazione Trump e di interrompere tutti i principali servizi offerti su smartphone prodotti da Huawei (ed altri produttori, sempre cinesi).

Procedendo più nel dettaglio, gli smartphone di Huawei perderanno immediatamente la possibilità di aggiornarsi alle versioni successive di Android. E questo è solo l’inizio: gli smartphone futuri potrebbero non godere più di servizi fondamentali come il Google Play Store o le applicazioni facenti parte della GSuite. Solo i servizi open source potrebbero essere esclusi da questa sforbiciata, ma tutta questa vicenda non farà altro che sbilanciare il mercato (specie in vista della presentazione, in Occidente, di nuovi top di gamma).

Anche Intel e Qualcomm seguono la strada di Google, interrompendo ogni rapporto con Huawei

Analogamente a quanto fatto da Google, anche Intel e Qualcomm hanno adottato una decisione molto simile. Tali aziende avrebbero deciso di terminare ogni rapporto fino a data da destinarsi, seguendo la politica dettata dall’amministrazione Trump. Quanto è successo, però, pare che sia stato previsto dal colosso cinese già da molto tempo.

Non è un caso che gli smartphone di Huawei (principalmente quelli premium) siano equipaggiati con processori Kirin, progettati e realizzati dalla stessa azienda cinese (via HiSilicon). Inoltre, secondo alcune fonti, Huawei si sarebbe già preparata ad uno scenario del genere, rifornendosi di componentistica hardware per un periodo pari a 3 mesi. La situazione è alquanto complessa e, pertanto, attendiamo ulteriori aggiornamenti.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabio Attardo

Fabio Attardo - Quanto successo in queste ore assume un'importanza fondamentale. Huawei è il secondo produttore mondiale di smartphone, e l'impossibilità di accedere a servizi fondamentali come quelli offerti da Google potrebbero, nel medio e lungo periodo, pesare sulla scelta dello smartphone da parte di un consumatore. La vicenda è alquanto complessa e potrà essere meglio chiarita solo in futuro.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!