Iscriviti

Apple e Samsung multate dall’Antitrust a causa degli aggiornamenti che rallentano gli smartphone

L'Antitrust multa Samsung e Apple per aver introdotto aggiornamenti che rallentano gli smartphone senza avvisare gli utenti prima di procedere al download.

Smartphone e Tablet
Pubblicato il 24 ottobre 2018, alle ore 22:48

Mi piace
4
0
Apple e Samsung multate dall’Antitrust a causa degli aggiornamenti che rallentano gli smartphone

La AGCM ha multato Samsung e Apple, rispettivamente di 5 e 10 milioni di euro, per non aver rispettato il “codice del consumo”, ovvero l’insieme delle norme che tutelano i diritti del consumatore. Nello specifico, i due produttori di smartphone hanno rilasciato degli aggiornamenti recenti, sui propri smartphone, che li avrebbe rallentati in modo talmente vistoso da renderli quasi inutilizzabili, e costringendo gli utenti a cambiare i propri dispositivi in tempi più brevi.

L’obsolescenza programmata è sempre un argomento centrale, perché è un invecchiamento programmato dell’hardware, proponendo sistemi operativi sempre più esigenti dal punto di vista delle risorse. Ovviamente, dopo un certo numero di aggiornamenti, il telefono non li regge più.

Apple e Samsung multata: i motivi

La multa di Samsung nasce dal fatto che la società ha insistentemente proposto agli utenti di aggiornare il sistema operativo del Galaxy Note 4 senza informare i possessori dei malfunzionamenti causati dalla maggior richiesta di risorse da parte del software che ha addirittura comportato interventi di manutenzione non coperti dalla garanzia.

Apple, invece, è stata multata con una cifra doppia, perché ha violato molte più norme. Oltre all’aver proposto in maniera insistente di aggiornare gli iPhone 6 – nel 2010 – a iOS 10 senza informare circa i problemi inerenti alle risorse e che avrebbero provocato spegnimenti improvvisi.

A questo si aggiunge la notizia riguardante la versione del sistema operativo, a fine 2017, che riduceva appositamente la prestazione dei telefoni per rallentare il consumo delle batterie, risolto poi da Apple applicando uno sconto sulla sostituzione delle stesse. Dunque sommando vari “sotterfugi”, è arrivata la multa da 10 milioni di euro. Tuttavia, c’è da notare che Apple guadagna anche tramite le app presenti sull’App Store e che, dunque, ha interesse ad avere una massiccia utenza di persone: pertanto, non dovrebbe, in teoria, far invecchiare precocemente i vari telefoni.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - La "cospirazione" dell'obsolescenza programmata potrebbe essere veritiera, magari non nel caso di Samsung e Apple, ma in generale capita che i programmi o le parti hardware siano "programmate" per durare un certo tempo e che, oltre tale limite, smettano di funzionare. Chissà se le due società presenteranno ricorso, oppure pagheranno semplicemente.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!