Iscriviti

L’acqua di Chiara Ferragni: per placare la sete di apparenza e vanità

L'acqua di lusso firmata Chiara Ferragni, venduta a otto euro a litro, si è rivelata essere un successo commerciale; ma sul web, e non solo, infuriano le polemiche. Anche il Codacons insorge.

Lusso
Pubblicato il 15 ottobre 2018, alle ore 00:13

Mi piace
1
0
L’acqua di Chiara Ferragni: per placare la sete di apparenza e vanità

Non si tratta di acqua santa, non ha particolari benefici per la salute, non contenendo chissà quale principio attivo miracoloso, nè nessun’altra “sorpresa”. Non è, dunque, nemmeno amara, ma ciononostante costa. Otto euro al litro in supermarket. Insomma, è lo stesso prezzo che si può trovare nelle più famose discoteche di Ibiza, in cui si paga anche fino a 85 euro per il solo ingresso. Si tratta dell’acqua di sua maestà la reginetta di Instagram, Chiara Ferragni, una bibita (chiamarla “acqua” potrebbe suonare riduttivo) in edizione limitata che deve il suo bel prezzo grazie alla griffe della ben nota influencer, la quale influenza persino il mercato delle acque minerali in bottiglia, arrivando a far pagare a peso d’oro un’acqua che di per sè non ha nulla di speciale.

Però ha la griffe. Sì, la griffe “Chiara Ferragni”, con tanto di vistoso logo con fascinoso occhio azzurro glitterato in stile geroglifico. Ma non finisce qui: la straordinaria acqua minerale realizzata da Chiara Ferragni per Evian ha anche un packaging realizzato ad arte: sono infatti stampigliate sull’etichetta diverse “decorazioni” realizzate grazie ad un’ispirazione molto probabilmente nata in lei dal dover vedersi davanti, giornalmente, la vasta collezione di tatuaggi più o meno tribali, più o meno cartooneschi, più o meno guardabili, stampata addosso al marito, il famoso cantante Fedez. Questo nella migliore delle ipotesi. Nella peggiore potrebbe trattarsi di un’ispirazione nata semplicemente a fronte della visione di scarabocchi realizzati dal figlioletto Leone in cerca di ispirazione.

L’influenza dei VIP come testimonials

Ma tutto ciò basta e avanza per porre sul mercato un prodotto senza alcun valore commerciale, poichè l’acqua potabile ha un costo di produzione pari a zero e gli unici costi di rilievo che un’azienda produttrice d’acqua sostiene riguardano il confezionamento e la distribuzione del prodotto. Oltre naturalmente al marketing. Altrimenti chi sarebbe così suicida da pagare l’acqua otto euro al litro in un supermarket? Ecco, dunque, che entra in gioco il fattore VIP e l’influenza sociale che gli stessi possono esercitare. Un’influenza molto efficace, ma allo stesso modo di basso livello, in quanto non ha particolari argomenti a suo favore per influenzare atteggiamenti e condotte altrui. Però, dal momento che una persona che compra un’acqua di questo genere fa un ragionamento del tipo: “se è l’acqua della Ferragni allora qualcosa di speciale ci deve essere per forza” oppure “bere l’acqua della Ferragni fa chic e rende importanti”, allora vuol dire veramente che è un tipo di influenza che funziona.

La maggior parte della popolazione si lascia semplicemente convincere dalle varie pubblicità dei prodotti, molte delle quali con VIP che fanno da testimonials delle varie “acque della salute” − che la tal acqua è ottima poichè, ad esempio, è “l’acqua di Miss Italia” e bevendola ci si depura e si fa “plin plin”, oppure che si tratta dell’acqua scelta dalla Nazionale di Calcio e pertanto “fa sentire in forma”. Tutti slogan molto generali e superficiali, che però ovviamente non garantiscono di diventare belle come Miss Italia o in forma come i calciatori della Nazionale di Calcio Italiana (e, dati i risultati recentemente collezionati da quest’ultima, non parrebbe nemmeno auspicabile bere la stessa acqua della Nazionale).

Il discorso, ora, è che se le pubblicità di Cristina Chiabotto che esalta le proprietà “depurative e diuretiche” di Rocchetta, e di Alex Del Piero che sottolinea le qualità “toniche” di Uliveto sono finalizzate a mettere in risalto presunti pregi salutistici di tali acque per mezzo di illustri VIP, con l’acqua Evian by Chiara Ferragni si passa ufficialmente il confine della razionalità, arrivando a indurre a comperare un’acqua per il semplice fatto che è promossa da Chiara Ferragni e c’entra qualcosa con lei. Vi sono il suo marchio e i suoi disegnini stampati sopra, è un po’ come se fosse un pezzo di lei.

Acqua pubblica contro acqua privata o griffata

Bere questa acqua non serve affinchè faccia bene in un modo o nell’altro, ma poichè è trendy, è cool, è da ricchi e da’ l’idea del lusso. Soddisfa, insomma, la sete di apparenza e vanità. Un po’ come se bevendola si entrasse in contatto con Chiara, alla stregua di come si beve il vino in chiesa: “prendete e bevetene tutti: questo è il calice dei miei guadagni, per i miei nuovi ed eterni followers, versato per voi e per tutti (quelli che se la possono permettere) in remissione dei mancati like. Fate questo in venerazione di me”. Ma ora sorge spontanea una domanda: perchè non utilizzare la ben più comune, ecologica (perchè non vi sono spese di trasporto e imballaggio, essendo a km zero), economica acqua del rubinetto? Pur essendoci stato il referendum nel 2011 riguardante la privatizzazione dell’acqua e nonostante abbia massicciamente vinto il sì per l’acqua pubblica, purtroppo non è cambiato tanto: l’acqua del rubinetto, che è anche maggiormente sicura di quella privata, essendo sottoposta a molte e più severe verifiche, è snobbata da larga parte del mercato, che preferisce invece quella in bottiglia, che però non ha nulla in più: semmai ha di meno dalla parte sua.

Una cosa in più, a onor del vero, ce l’ha ed è il costo: dunque si tende a fare il ragionamento, erroneo, secondo il quale “se un prodotto costa di più, vale di più”, ma anche “se io valgo, devo comprare pure qualcosa che valga, cioè costi”, quindi non ci si accontenta della bistrattata acqua del rubinetto. Ed ecco che in quest’ottica anche l’acqua di Chiara Ferragni vale. Otto euro al litro. E mentre Fedez se la prende contro il Codacons, reo di aver puntato il dito contro il prezzo a cui viene venduta l’acqua Ferragni, c’è però una cosa importante da ricordare: tutta quella gente, al mondo, che l’acqua − non quella griffata, ma una semplice acqua pulita e potabile − se la può solo sognare.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Eugenio Flajani Galli

Eugenio Flajani Galli - Se potete, bevete l'acqua del rubinetto e non vi fate abbindolare da mode e tendenze passeggere: le varie acque, a differenza dei vini, non hanno riconoscimenti doc, docg, igp e via dicendo, proprio perchè tra loro sono fin troppo simili e non vi è ragione alcuna di spendere cifre abnormi per acque griffate.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!