Iscriviti

Cucce per cani di gran lusso a prezzi da capogiro

L'amore per i nostri amici cagnolini ci porta a compiere spese pazze per loro. Ma il costo delle cucce che vengono vendute da una ditta inglese, supera di gran lunga ogni immaginazione. Vediamo nel dettaglio.

Lusso
Pubblicato il 22 giugno 2017, alle ore 21:34

Mi piace
15
0
Cucce per cani di gran lusso a prezzi da capogiro
Pubblicità

Dimenticatevi le fatiscenti cucce fatte di assi in legno traballanti e umidicce. D’ora in avanti, per i nostri amici a quattro zampe solo cucce cinque stelle superior. Questo almeno è quello che propone un’azienda inglese che mette sul mercato cucce di lusso che arrivano a costare anche 200.000 euro.

Senza dubbio è un prezzo che supera ogni immaginazione, visto e considerato che anche un appartamento a quel prezzo diventa proibitivo per molte famiglie italiane. Certo è che, per chi se lo può permettere, il comfort degli amici pelosetti non ha prezzo e quindi cucce tanto costose, non sembrano essere un problema.

Vediamo meglio cosa offrono queste abitazioni canine di extra – lusso: parquet in legno, colonne e balconcini in marmo, illuminazione interna ed esterna, sistemi automatici di distribuzione di cibo e acqua, tv e impianto audio. Non ci è dato sapere se i nostri amici a quattro zampe possano apprezzare davvero cotanta abbondanza. Ciò che risulta essere apprezzato è, senza dubbio, la sensazione di benessere che potremmo provare al pensiero di regalare tanti agi e comfort ai nostri amici pelosetti.

Alice Williams, direttrice di Hecate Verona, l’azienda promotrice di queste splendide cucce, rivela che questa esigenza di aggiungere tutti questi componenti molto confortevoli, deriva dal fatto che tutti colore che lavoravano nella fabbrica hanno cominciato a porsi delle domande: “Perché la casa di un cane non dovrebbe essere elegante come quella del padrone? Perché non dovrebbe disegnarla un architetto? Perché non dovrebbe avere finestre, porte e bassorilievi in proporzione alle dimensioni della “casa”?“.

Senza dubbio, in molti obietteranno che si tratta “solo” di animaletti, ma per moltissimi, invece, si tratta di componenti della famiglia, veri e propri. Ma non tutti si trovano d’accordo con questa teoria, in quanto affermano che gli animali non devono essere umanizzati, perché dovrebbero conservare i loro istinti e la loro vera natura.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Cristina Giuli

Cristina Giuli - Amare gli animali penso sia un dovere di tutti noi. Anzi, dovrebbe essere un istinto naturale. Ma, allo stesso tempo, non si dovrebbe perdere di vista la loro natura, perché troppa umanizzazione non giova né a loro né a noi. Forse prima dell'affetto dovremmo avere rispetto, quella è la cosa davvero importante.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!