Iscriviti

Trovare lavoro all’estero se in Italia sembra non essercene

Se siete in cerca di un lavoro che purtroppo sembra non arrivare e non sapete cosa fare ecco quali sono al momento le soluzioni più gettonate per farsi largo nel mondo del lavoro, dalle soluzioni permanenti a quelle temporanee

Lavoro
Pubblicato il 19 febbraio 2014, alle ore 23:19

Mi piace
1
0
Trovare lavoro all’estero se in Italia sembra non essercene

Secondo gli ultimi dati Istat, in Italia il tasso di disoccupazione, aggiornato al mese di dicembre 2013, si aggirava al 12,7% della popolazione; dato ancora più preoccupante, la disoccupazione giovanile ammontava al 40% circa. In due mesi la situazione non è cambiata e sempre più giovani pensano di lasciare il Paese, nonostante a molti di loro il sacrificio costi fatica e anche denaro.

Per quanto riguarda l’Europa, tra i Paesi che sembrano offrire maggiori garanzie in termini di ricerca del lavoro, vi sono l’Inghilterra, la Germania, l’Olanda e la Danimarca; per quanto riguarda il continente americano, invece, le maggiori possibilità di trovare lavoro sono in Canada. Il settore più ricercato da questi Paesi è soprattutto quello dei servizi, seguito da quello del marketing, dell’architettura e dell’ingegneria.

Per quanto riguarda le donne in particolare, queste possono trovare la completa soddidfazione per quanto riguarda la loro carriera in Canada, nei Paesi Scandinavi, in Germania e in Australia, dove la parità dei sessi è garantita maggiormente rispetto all’Italia, che è soltanto ottavain questa speciale classifica nonostante, per citarne una, in Italia vi siano sempre più donne tra laureati e dottorati. In questi Paesi la donna può dire addio a tassi minori di discoccupazione e a salari inferiori rispetto a quelli maschili.

Se ci si vuole avvicinare piano piano alla realtà lavorativa di un altro Paese, avendo così modo di conoscerlo per bene prima di fare una scelta importante come quella di abbandonare definitivamente il proprio Paese, sono proposti da molti Informagiovani anche opportunità di lavoro temporaneo all’estero: spesso si tratta di lavori stagionali, che non richiedono particolari titoli di studio se non una minima conoscenza della lingua del Paese interessato; questi lavori stagionali riguardano soprattutto il settore alberghiero, il settore agricolo, il settore della ristorazione (fast food come McDonalds o Burger King) o come ragazza alla pari (specie come baby sitter).

Vi sono siti che possono aiutare in questa ricerca, tra i quali Eures, Cliclavoro, Europe Direct, Summer Jobs. Un’ottima opportunità per conoscere posti nuovi, fare esperienza, perfezionare la lingua e mettere da parte qualche soldino.

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!