Iscriviti

Rifiuta il lavoro in Ferrari, stipendio troppo basso

Andrea Gianello, meccanico veronese di 28 anni, ha deciso di rifiutare un posto nella scuderia della Ferrari in quanto il compenso offerto è inferiore all'attuale stipendio che il giovane percepisce nel posto in cui lavora.

Lavoro
Pubblicato il 23 settembre 2022, alle ore 10:12

Mi piace
1
0
Rifiuta il lavoro in Ferrari, stipendio troppo basso

Ascolta questo articolo

Andrea Gianello, giovane di 28 anni e meccanico tornitore presso l’azienda Bertolaso (leader mondiale fra i produttori di sistemi per l’imbottigliamento), ha dovuto a malincuore rifiutare il lavoro dei suoi sogni. Troppo alti i costi da sostenere per poter godere di un posto di lavoro nella scuderia Ferrari. Dopo aver superato un test in videoconferenza, il colloquio attitudinale in azienda e il colloquio finale con il caporeparto, Gianello ha detto no ad un’assunzione ormai decisa.

Un rifiuto che senz’altro deve essere pesato molto al giovane – residente a Cologna Veneta, in provincia di Verona – il quale afferma di sognare da sempre di arrivare un giorno o l’altro a lavorare in Formula Uno. Il compenso offerto al ragazzo è purtroppo inferiore all’attuale stipendio che percepisce nell’azienda in cui lavora dal 2015, e vivere a Maranello, viaggiando per tornare a casa nei fine settimana, avrebbe richiesto per il ragazzo uno sforzo economico eccessivo.

Un lavoro, dunque, che non avrebbe mai pensato di rifiutare. Il lavoro da sempre sognato – Gianello è cresciuto fin da bambino con la passione per i motori e il mito del Cavallino Rampante – in una delle più prestigiose case automobilistiche del mondo. Dopo aver superato brillantemente le prove e l’intero iter richiesto per la selezione del personale, dopo i primi mesi di apprendistato e di contratto a termine, Gianello ha ottenuto l’assunzione a tempo indeterminato; ma in quel momento il giovane ha dovuto scontrarsi con la realtà e fare i conti in tasca.

L’offerta della Ferrari è stata di 1.700€ lordi al mese – per tre turni lavorativi a settimana (uno diurno, uno pomeridiano e uno notturno) – ed a ciò si sarebbe potuto aggiungere un premio produzione annuo da 12.000€, che sarebbe stato suddiviso e spalmato sulle 12 mensilità. Un compenso purtroppo, considerati i costi richiesti per sostenere quel nuovo tipo di vita, più basso di quello attualmente percepito nell’azienda in cui lavora in qualità di operaio specializzato.

Il rifiuto da parte del giovane è arrivato dopo settimane di riflessione e di attenta valutazione, la decisione non è evidentemente stata presa a cuor leggero. “Sono sempre stato un ragazzo che sogna, ma tiene i piedi per terra. Non ho paura del rischio però prima di fare certi passi bisogna pensare con maturità, tenendo conto degli aspetti positivi e negativi di un progetto. Purtroppo, a quanto pare, a noi giovani l’Italia offre poco: è più conveniente andare a lavorare all’estero“, ha dichiarato Gianello.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marcella Chimenti

Marcella Chimenti - Deve essere veramente frustrante dover rinunciare ad un'opportunità del genere; un posto in Ferrari non capita certo tutti i giorni! Ad ogni modo, evidentemente il ragazzo sa il fatto suo per quanto concerne il suo lavoro, spero possa prima o poi rifarsi e riuscire a realizzare il suo sogno di arrivare in Formula Uno.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.