Iscriviti

L’INPS annuncia aumenti per pensione invalidità e assegno sociale

Dal 2019 cambiano i requisiti anagrafici da possedere per accedere all’assegno sociale e, inoltre, sono previsti piccoli aumenti per gli importi delle pensioni.

Lavoro
Pubblicato il 10 dicembre 2018, alle ore 21:48

Mi piace
12
0
L’INPS annuncia aumenti per pensione invalidità e assegno sociale

L’INPS annuncia l’aumento dei requisiti anagrafici per il diritto all’assegno sociale e, inoltre, rende noto che a partire dal 2019 si avrà un piccolo innalzamento della pensione di invalidità civile. Dunque l’importo dell’assegno sociale passa da 453 euro per 13 mensilità a 457,99 euro mensili.

Anche per la pensione di inabilità per invalidi totali e per l’assegno mensile invalidi parziali vi sarà una perequazione che porterà gli importi dagli attuali 282,55 euro a 285,66 euro mensili. Inoltre, l’Inps ha anche comunicato i nuovi requisiti anagrafici per l’assegno sociale 2019, vediamoli nel dettaglio.

A partire dal 1° gennaio 2019 il requisito anagrafico minimo previsto per il conseguimento dell’assegno sociale sostitutivo della pensione di inabilità civile e dell’assegno mensile di assistenza agli invalidi parziali, nonché dell’assegno sociale sostitutivo della pensione non reversibile ai sordi, è innalzato di 5 mesi e, pertanto, l’età richiesta per poter accedere alle prestazioni in oggetto sarà pari a 67 anni, rispetto ai 66 anni e 7 mesi previsti per il 2018.

Infine, precisiamo cos’è l’assegno sociale 2019 e chi può richiederlo. L’assegno di pensione sociale è una prestazione assistenziale che spetta indipendentemente dai contributi maturati durante la carriera lavorativa e viene liquidato in misura intera se non si possiede alcun reddito, mentre è in misura ridotta se il richiedente e l’eventuale coniuge hanno redditi che non superino gli 11.788 euro.

Nel caso in cui il pensionato non è coniugato, gli spetta l’assegno intero qualora non abbia alcun reddito, mentre l’assegno è erogato in misura parziale se non supera i 5.889 euro di reddito.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Perna

Caterina Perna - Le pensioni saranno più alte, seppur di poco, a partire dal 1° gennaio 2019, un anno ricco di novità sul fronte pensioni, non solo per la riforma promessa dal governo M5S-Lega (attraverso il superamento della Legge Fornero con il meccanismo della cosiddetta quota 100), ma anche per l'adeguamento delle aspettative di vita media.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!