Iscriviti

Assunzioni Beni Culturali: oltre 1052 nuovi posti, ecco cosa c’è da sapere sulle domande

Si aprono nuove interessanti opportunità di impiego per chi desidera lavorare nel mondo dell’arte e dei Beni culturali. A settembre la scadenza per partecipare al concorso per oltre un migliaio di nuovi inserimenti in musei, archivi e siti archeologici.

Lavoro
Pubblicato il 22 agosto 2019, alle ore 12:09

Mi piace
7
1
Assunzioni Beni Culturali: oltre 1052 nuovi posti, ecco cosa c’è da sapere sulle domande

C’è tempo fino alla terza settimana di settembre 2019 per inviare la propria domanda di partecipazione al nuovo concorso dedicato a chi desidera lavorare a stretto contatto con il mondo dell’arte e dei beni culturali. Ad indirlo è proprio il Mibac, che ha deciso di ampliare il proprio organico e quindi di aprire al nuovo giro di selezioni.

Attualmente il personale dedicato all’accoglienza ed al controllo nelle sale dei musei, degli archivi e dei siti archeologici corrisponde a circa 5670 unità. Per coprire le esigenze espresse dalle varie sedi territoriali è però necessario elevare il personale presente sino a 7220 unità, pertanto è stato programmato un nuovo concorso nel prossimo mese di settembre che prevede l’inserimento di 1052 nuovi vigilanti.

Il bando attuale fa seguito a quello precedentemente introdotto dall’ex Ministro Dario Franceschini, che aveva previsto già 500 nuovi inserimenti tra tecnici archeologi, archivisti, bibliotecari, restauratori e comunicatori. Nella pratica, il numero è poi cresciuto fino a raggiungere i 1100 nuovi inserimenti una volta che la precedente attività di valutazione delle candidature venne conclusa.

Il problema del turn over ed i dubbi sulle prossime selezioni con la nuova crisi di governo

A rendere necessario l’inserimento di nuovo personale è anche il rallentamento che si è verificato nel turn over tra nuove e vecchie generazioni. Con l’avvio della quota 100 e degli altri meccanismi di pensionamento flessibile si sono infatti anticipate numerose uscite dal lavoro da parte di dipendenti pubblici. Anche in questo senso va interpretato il nuovo avvio di una campagna di assunzioni che avrebbe dovuto proseguire con diversi concorsi nei prossimi mesi.

Il bando di settembre è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dello scorso 9 agosto 2019 ed il termine ultimo per la scadenza della presentazione delle domande è fissato al prossimo 23 settembre 2019. È possibile leggere il pdf completo del bando (con i requisiti di accesso al concorso) presso il sito del Mibac all’indirizzo web beniculturali.it, consultando la sezione “concorsi pubblici”. 

Restano invece non pochi dubbi per le assunzioni programmate nei mesi successivi. Ad ottobre era infatti previsto un ulteriore concorso per circa 3mila persone, mentre a dicembre doveva avvenire l’assunzione di 1000 funzionari. Iniziative che adesso potrebbero dover essere ridiscusse. Il problema emerge ovviamente con la crisi di governo, che ha creato i presupposti per un rallentamento nelle successive assunzioni. Infatti, se il concorso per 1052 assistenti di settembre non risulta in dubbio, sui successivi inserimenti vi è ora grande incertezza.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Stefano Calicchio

Stefano Calicchio - Il nuovo concorso indetto dal Mibac offre una interessante prospettiva di inserimento in tutte le regioni d’Italia. Chi desidera lavorare nell’ambito dei beni culturali potrà quindi trovare tutte le informazioni necessarie a inoltrare la propria domanda nel bando di concorso disponibile sul numero 63/2019 della G.U. oppure nel sito del Mibac sotto la dicitura “concorso pubblico, per esami, per il reclutamento di n. 1.052 unità di personale non dirigenziale a tempo indeterminato”.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!