Iscriviti

Test architettura 2019: calcolo punteggi

Si sono conclusi i test di architettura e gli studenti sono in attesa delle soluzioni al fine di procedere con il calcolo dei punteggi per avere un'idea sul proprio andamento.

Scuola e Istruzione
Pubblicato il 6 settembre 2019, alle ore 01:03

Mi piace
2
0
Test architettura 2019: calcolo punteggi

Queste sono ore di agitazione, attesa ed ansia per molti studenti che desiderano intraprendere il corso di architettura all’università. Chi volesse, infatti, iniziare questo corso di studi, deve sostenere ogni anno dei test selettivi a numero chiuso e anche quest’anno si sono già tenuti. Alle ore 12.40 sono stati chiusi gli esami. Il test di architettura 2019 è stata la terza prova universitaria dopo quelle di medicina e veterinaria.

La prova consisteva nel rispondere a 60 domande in 100 minuti, dunque meno di due ore e nel pomeriggio del 5 settembre saranno rivelati gli esiti dei test. Le soluzioni saranno rese note dal Miur e ciò consentirà agli studenti di poter avere più chiare le idee sul fatto se si è idonei oppure no.

Non si sa l’orario preciso nel quale usciranno le soluzioni dei test, tuttavia dovrebbero essere pubblicate verso le ore 17.00 o le 18.00 perché con i test precedenti svolti nei giorni scorsi è successa esattamente la medesima cosa. In attesa della gradutoria ufficiale, perciò, gli studenti potranno effettuare i calcoli dei punti per avere un’idea sull’esito.

Gli esiti ufficiali con l’elenco dei singoli studenti ammessi ad architettura saranno pubblicati il 1 ottobre. Il punteggio viene assegnato ad ogni domanda e vale 1.5 punti per ogni risposta corretta, -0.4 punti per ogni risposta sbagliata. Nel caso di risposta non data il punteggio è 0. Dunque il test prevedeva domande con penalità, le più temute dagli studenti ed è un metodo studiato appositamente per non far dare risposte a casaccio sperando nella buona sorte.

I ragazzi che si sono presentati erano più di 8mila, ma i posti disponibili sono solo 6800. Lo sbarramento posto a medicina e veterinaria, dunque, è ben più severo, anche se trattandosi di un test usato per scremare il numero di studenti, è comunque complesso.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - Odio i test per entrare all'università, soprattutto se sono selettivi. Posso provare ad immaginarmi dunque cosa si prova ad essere in attesa delle soluzioni dei test, perché un fallimento significa automaticamente perdere un anno per ritentare nell'anno successivo. Forza ragazzi, incrociate le dita e speriamo bene, lo studio dovrebbe essere garantito a tutti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!