Iscriviti

Scuole, Silvestri e Viola appoggiano la Azzolina: "Le scuole non sono focolai"

Gli scienziati Guido Silvestri ed Antonella Viola sostengono la posizione della ministra. Il modello dell'Imperial College, :"I bimbi a casa, contagiano i nonni". Silvestri afferma che il virus, non si diffonde solo con i contatti sociali.

Scuola e Istruzione
Pubblicato il 17 novembre 2020, alle ore 21:35

Mi piace
6
0
Scuole, Silvestri e Viola appoggiano la Azzolina: "Le scuole non sono focolai"

Ascolta questo articolo

Secondo uno studio pubblicato da una delle più autorevoli riviste scientifiche, The Lancet, tenere gli istituti scolastici aperti contribuisce ad un aumento dei contagi da Covid-19. La ministra Lucia  Azzolina, da mesi, sostiene la tesi che le scuole non sono affatto focolai per il virus, riuscendo a mantenere la scuole aperte, almeno le materne e le primarie.

Tra i sostenitori della Azzolina ci sono due eminenti scienziati, l’immunologa Antonella Viola, Professoressa di Patologia presso il Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Padova e Direttrice Scientifica dell’Istituto di Ricerca Pediatrica, e il professor Guido Silvestri, capo dipartimento di Patologia all’Università Emory di Atlanta, direttore della Divisione di Microbiologia e Immunologia allo Yerkes National Primate Research Center.

La professoressa Viola cita i modelli dell‘Imperial College di Londra, che stimano un aumento di migliaia di morti se si chiudessero le scuole. “Cosa per altro immaginabile”, afferma la scienziata “visto che i bambini stanno con i nonni oppure con le mamme, come le infermiere e dottoresse, che invece dovrebbero stare a lavorare in ospedale per il covid mentre devono curare i figli”. Su Nature è stato pubblicato anche un altro studio importante, in cui si citano anche dati italiani a dimostrare che non vi è correlazione tra l’aumento della diffusione del virus e l’apertura delle scuole.

Silvestri scrive sui social: “Apprezzo moltissimo l’approccio del ministro Lucia Azzolina nel tenere duro su questo punto”. Anche secondo il virologo i dati a disposizione illustrano una situazione nelle scuole non allarmante. Non solo, Silvestri dichiara apertamente che i lockdown generalizzati non possono essere l’unico sistema di contrasto alla pandemia e loda la flessibilità mostrata con l’istituzione delle fasce colorate.

Sono almeno sei i parametri di diffusione del contagio, oltre al  contatto diretto, secondo lo scienziato: i livelli di immunità preesistenti alla pandemia, fattori genetici, climatici ed ambientali. Quelli virali intrinsechi, che spiegherebbero i motivi per cui a Singapore ci sia stata una bassissima letalità, malgrado una densità abitativa molto alta. Senza contare i superspreader, soggetti asintomatici inconsapevoli, che potrebbero avere un effetto epidemiologico drammatico.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Giuseppe Folchini

Giuseppe Folchini - La scuola è l'ennesimo capro espiatorio del nostro Paese, dopo i runners, i ristoratori e i giornalisti. La politica è solo lo specchio di una parte della nostra società, rinchiusa nella propria bolla, assolutamente disinteressata al futuro delle nuove generazioni. Lo sappiamo e lo abbiamo detto molte, troppe volte: il senso morale di una società si misura con quello che fa per i bambini.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!