Iscriviti

Metà delle scuole italiane sono inagibili

Palazzine con scarsa manutenzione e non a norma: è quanto risulta da un censimento eseguito dal Ministero della Pubblica Istruzione su tutte le strutture scolastiche.

Scuola e Istruzione
Pubblicato il 28 settembre 2018, alle ore 14:31

Mi piace
6
0
Metà delle scuole italiane sono inagibili

Dai dati del Ministero della Pubblica Istruzione, più precisamente dall’Anagrafe dell’edilizia scolastica, risulta che solo il 40,5 % degli edifici adibiti a scuola nel nostro Paese ha il certificato di prevenzione incendi, il 53,8 % possiede quello di agibilità/abitabilità e il 53,2 % il certficato di collaudo statico; da notare che la norma, che introduce l’obbligatorietà di quest’ultimo certificato, è del 1971 e solo il 22,3 % degli edifici è stato costruito prima di quella data. Inoltre, solo il 57,5 % ha accorgimenti di risparmio energetico.

Si tratta di un’operazione di trasparenza molto importante e senza precedenti“, afferma il Ministro Marco Bussetti, “che consente finalmente a tutti i cittadini di conoscere con precisione quale sia lo stato di salute degli edifici scolastici presenti sul territorio nazionale. Da oggi abbiamo un quadro ancora più chiaro per poterci muovere rapidamente nell’individuare le priorità di intervento. Lavoreremo in sretta collaborazione con gli enti locali per velocizzare le opere di manutenzione“.

Il Ministro spiega che, rispetto al passato, si registra qualche miglioramento nei dati, ma che resta molto da fare e che bisogna farlo in fretta. In oltre 7 miliardi consistono le risorse ancora a disposizione ed è stato già sbloccato oltre 1 miliardo per l’antisismica e 1,7 miliardi per interventi di messa in sicurezza.

La differenza di questi dati a livello regionale è notevole; Lazio, Campania e Calabria sono le regioni più in ritardo, mentre la Lombardia è la regione che investe di più in manutenzione. In collaborazine con l’Agenzia Spaziale Italiana e con il Consiglio Superiore delle Ricerca si è deciso anche di procedere con una mappatura satellitare, per verificare spostamenti legati a movimenti sismici e poter quindi intervenire.

Sono dati che dobbiamo migliorare. In fretta”, conclude il Ministro, “Stiamo lavorando celermente per dare risposte certe ai ragazzi, al personale scolastico e alle famiglie. (…)  La scuola è per milioni di cittadini una seconda casa dove devono potersi sentire sicuri“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Ivan Luca Zappa

Ivan Luca Zappa - Se la scuola è lo specchio di una nazione, non c'era da aspettarsi niente di diverso. Purtroppo gli investimenti scolastici sono stati per anni compressi per la cronica ristrettezza del bilancio dello Stato, dimenticando che investire sulla scuola significa investire nel nostro futuro. Speriamo che con questa presa di coscienza possa esserci una svolta.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!