Iscriviti

Il ministro Lorenzin: vaccini obbligatori per andare a scuola

Il ministro della Salute vuole indirizzare il proprio dicastero ad obbligare, come in passato, la vaccinazione a tutti i minorenni, altrimenti, in assenza di vaccinazione, niente iscrizione alle scuole.

Scuola e Istruzione
Pubblicato il 14 maggio 2017, alle ore 14:28

Mi piace
24
0
Il ministro Lorenzin: vaccini obbligatori per andare a scuola
Pubblicità

Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha preso in mano le redini della situazione caotica che riguarda la questione dei vaccini e di quelli, in particolare, che ora non sono obbligatori e che la loro poca frequenza nella somministrazione sta riportando in auge malattie debellate come il morbillo.

Il prossimo Consiglio dei Ministri presieduto dal premier Paolo Gentiloni – in programma venerdì – sarà il momento in cui mettere in campo ed in atto le nuove disposizioni volute dal Ministro della Salute per mettere fine ad un anno di polemiche inutili e controproducenti, rimettendo in azione la macchina dei vaccini obbligatori di modo che, portando la quasi totalità della popolazione ad essere vaccinata, si possa eliminare l’insorgenza di malattie che erano del tutto scomparse.

I pareri di medici e di alcune campagne messe in campo su Internet da chi è ignorante, cioè da chi ignora e non conosce le basi scientifiche, hanno creato molta disinformazione sui vaccini, i quali sarebbero capaci, secondo loro, con alte probabilità, di innestare l’autismo dei piccoli vaccinati. Invece, va ricordato che da quando i vaccini sono stati obbligatori – dagli anni ’50 agli anni 80 – tutte le malattie più pericolose sono scomparse dalla faccia del nostro Bel Paese.

Le intenzioni del dicastero della Salute, inoltre, sono quelle di legare l’iscrizione alle scuole dell’obbligo alla somministrazione dei vaccini: un provvedimento messo in atto per portare i genitori a vaccinare i figli e non escluderli per questo dalla vita sociale.

Inoltre, il ministero prenderà anche provvedimenti su eventuali dirigenti scolastici antivaccino che accetteranno nelle loro scuole le iscrizioni di bambini non vaccinati, di modo da dissuaderli nel prendere decisioni che vadano contro il bene della comunità italiana.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Le disposizioni che verranno discusse ed attuate nel corso del Consiglio dei Ministri di venerdì 19 maggio porranno finalmente fine ad una questione, quella dei vaccini, che sta diventando paranoica e logorante. Vaccinare i propri figli significa garantire loro una salute di ferro. La somministrazione dei vaccini sarà una garanzia per la salute per questa generazione e per quelle successive, evitando che si torni indietro a livelli prebellici, quando queste malattie imperavano e mietevano vittime tra i piccoli pazienti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!