Iscriviti

Eleonora Brigliadori contro le mascherine a scuola: “È una vera e propria segregazione”

Intervistata da "Adnkronos", Eleonora Brigliadori ha condannato le modalità di riapertura delle scuole con tanto di mascherine e distanziamento sociale. Dal suo punto di vista, si profila una pericolosa dittatura sanitaria, creata per danneggiare i più piccoli.

Scuola e Istruzione
Pubblicato il 16 settembre 2020, alle ore 12:50

Mi piace
0
0
Eleonora Brigliadori contro le mascherine a scuola: “È una vera e propria segregazione”

Dopo aver sfilato alla manifestazione No mask organizzata lo scorso 5 settembre al Circo Massimo a Roma, Eleonora Brigliadori è tornata ad attaccare duramente la modalità con cui è stata concepita la ripresa delle lezioni. L’avvio del nuovo anno scolastico con tanto di mascherine, provvedimento resosi necessario per circoscrivere il diffondersi della Sars-Cov-2, ha mandato su tutte le ire l’attrice 60enne di origini milanesi, finita più volte nell’occhio del ciclone per una serie di dichiarazioni controverse, oltre che per le sue sconvolgenti prese di posizione contro la medicina ufficiale e la scienza “mainstream”.

Scagliandosi contro l’uso delle mascherine, la storica protagonista della pellicola cult Rimini Rimini ha lodato l’iniziativa di quelle madri che anziché piegarsi a “un sistema di eliminazione programmata della popolazione giovane”, hanno optato per far fare un anno sabbatico ai loro figli. Ribadendo l’importanza di tenere distante l’istruzione dalla politica e dall’economia, Eleonora Brigliadori ha criticato il sistema che va delineandosi sotto i nostri occhi, da lei definito “una vera e propria segregazione”.

Guardando a quella che sarà la realtà con la quale dovremmo confrontarci nei prossimi mesi, si è altresì convinta che nessuno dovrebbe sopportare quanto imposto da un potere spietato, in quanto intenzionato ad eliminare tutti gli spazi di libertà solitamente riservati ai bambini. Per questo motivo sarebbe di gran lunga preferibile essere analfabeti piuttosto che schiavi di un sistema iniquo.

A maggior ragione che sarebbe sempre possibile imparare a leggere e scrivere anche in altri modi, non necessariamente andando a scuola. A questo punto, la sua proposta sarebbe quella di spezzare tutte le catena di falsità imposte alla gente comune. In caso contrario, la dittatura sanitaria e il rigido controllo a cui siamo stati sottoposti contro la nostra volontà, rischia di tradire le aspettative dei nostri figli, ai quali rischiamo di consegnare un “mondo morto, di cadaveri, di automi”.

Quello a cui stiamo assistendo sarebbe dunque una modalità per cancellare il pensiero, innescando un corto circuito nei cervelli dei bambini, sottoposti ad una tortura piscologica che li condizionerà per l’intera esistenza. L’unico modo per superare questa forma di dispotismo, sarebbe quella di svuotare le scuole, dando vita ad una rivoluzione pacifica che renderebbe finalmente libero ogni uomo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - Le dichiarazioni di Eleonora Brigliadori sono perfettamente in linea con altre già formulate negli ultimi tempi. Secondo il suo punto di vita, non staremmo assistendo ad una pandemia, ma ad una nuova forma di totalitarismo. Manipolazione e condizionamento sarebbero orchestrati al solo fine di controllare ogni aspetto della nostra vita. Detto in questo modo, è però difficile credere che il mondo si starebbe piegando alla volontà di una stretta cerchia di persone che sfrutta il virus per farci vivere un incubo da grande fratello orwelliano. Le pandemie ci hanno colpito anche in passato, dando vita a teorie e complotti di ogni genere, ma l’umanità in un modo o nell’altro è sempre riuscita a superare l’ostacolo grazie alla scienza, la stessa che adesso si vuole invece condannare.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!