Iscriviti
Roma

Azzolina: la promozione scolastica non è automatica

La ministra dell'Istruzione, Lucia Azzolina, avvisa gli studenti che, per quanto riguarda l'ammissione all'anno successivo, potrebbero anche essere bocciati: inoltre conferma che non vi sono le condizioni igienico sanitarie per poter finire l'anno scolastico in aula.

Scuola e Istruzione
Pubblicato il 14 maggio 2020, alle ore 17:07

Mi piace
8
0
Azzolina: la promozione scolastica non è automatica

Quest’anno per gli studenti é un anno particolare: particolare perché a metà anno si sono ritrovati di punto in bianco a dover studiare a casa, seguendo delle lezioni online. Tutto questo causato dalla pandemia del Covid-19

Nonostante la pandemia in corso, gli studenti devono finire l’anno scolastico e potrebbero anche essere bocciati. La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha messo in guardia gli studenti sul fatto che, per quanto riguarda l’ammissione all’anno successivo, potrebbero anche andare incontro alla bocciatura: inoltre conferma che non vi sono le condizioni di sicurezza igienico sanitarie per poter concludere l’anno scolastico in aula.

Gli studenti, appena chiusi tutti gli istituti scolastici, hanno dovuto iniziare a seguire le lezioni a casa, seguendo videolezioni per poter stare al passo con il programma scolastico. Per quanto riguarda il ritorno in aula, quest’anno è da escludere perché – dice la ministra Azzolina – “per il rientro non vi sono le condizioni igieniche sanitarie che consentono un ritorno in aula”. 

Per quanto riguarda gli studenti delle scuole medie, che dovranno affrontare gli esami, si concede alle istituzioni scolastiche tutto il tempo di cui necessitano per poter svolgere gli esami in tranquillità.

Il procedimento, secondo la bozza ministeriale, doveva svolgersi a fine delle lezioni, ovvero l’8 giugno. La riapertura delle scuole per quest’anno non ci sarà in Italia, ma in alcune scuole europee hanno già riaperto gli istituti scolastici adottando, ovviamente, delle precauzioni in modo tale che gli studenti possano frequentare la scuola in completa sicurezza.

Le misure adottate sono le seguenti, le mascherine vanno indossate obbligatoriamente, sia da alunni che insegnanti, i banchi sono singoli e distanziati fra di loro: oltretutto, gli insegnanti oltre alla mascherina devono obbligatoriamente indossare una visiera protettiva. Precauzioni che potrebbero essere importate anche nel nostro paese, per garantire a insegnanti e studenti la riapertura in totale sicurezza.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonietta Ricciuti

Antonietta Ricciuti - Per gli studenti, quest'anno oltre ad essere un anno particolare è anche molto difficile: penso che studiare a casa non sia la stessa cosa. A scuola c'è il confronto, sia con insegnanti che con compagni, cosa che in videolezione potrebbe risultare più complicata: gli argomenti delle lezioni si devono comprendere in autonomia, e non penso sia molto facile. Sicuramente hanno dato dimostrazione di avere molta forza di volontà, nonostante il periodo che stiamo vivendo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!