Iscriviti

Anno di prova: i docenti neoassunti dovranno dedicare 12 ore ai laboratori formativi

Nello specifico tutti i dettagli sui laboratori formativi: durata, articolazione e tematiche trattate. La formazione inizia con il bilancio delle competenze iniziali.

Scuola e Istruzione
Pubblicato il 22 settembre 2018, alle ore 18:33

Mi piace
7
0
Anno di prova: i docenti neoassunti dovranno dedicare 12 ore ai laboratori formativi

Una delle prime attività che i docenti neoimmessi in ruolo saranno chiamati a svolgere durante l’anno di prova sarà la compilazione del bilancio iniziale delle competenze. Tale documento di autovalutazione andrà redatto a partire da metà dicembre fino a fine gennaio. Il bilancio iniziale assume un ruolo particolarmente importante, in quanto in esso andranno evidenziati non soltanto i punti di forza ma soprattutto i punti di debolezza da potenziare ed elaborare con i successivi laboratori formativi. Infatti, i laboratori formativi saranno progettati a livello territoriale tenendo conto del bilancio iniziale di competenze. Vediamo nel dettaglio come saranno articolati tali laboratori.

La formazione obbligatoria dei docenti neoassunti prevede 50 ore complessive, 12 ore delle quali andranno dedicate ai laboratori formativi e/o visite in scuole innovative (tali visite per un totale di 3000 docenti selezionati sostituiranno in tutto o in parte i laboratori formativi). I laboratori formativi saranno strutturati in incontri a piccoli gruppi, con la guida operativa di un tutor-formatore. I laboratori da seguire saranno quattro, la durata dei moduli è variabile e potrà essere di 3 ore, 6 ore o più.

I laboratori formativi potranno trattare differenti tematiche, che spaziano dalle nuove risorse digitali e loro impatto sulla didattica, sino alle buone pratiche di didattiche disciplinari, passando per i bisogni educativi speciali (tale laboratorio lo scorso anno era obbligatorio). Stando alla tempistica degli scorsi anni, che ha visto l’inizio dei laboratori nel mese di febbraio/marzo e la loro conclusione nel mese di maggio, con molta probabilità anche per quest’ anno scolastico 2018/2019 sarà prevista la stessa tempistica.

L’anno di prova e formazione avrà inizio a breve, con il primo incontro di accoglienza ed informativo (in molte scuole è già stato fissato per metà del mese di ottobre); a seguire, a metà del mese di novembre, si aprirà la piattaforma neoassuntiindire2018/2019.

É all’interno di tale piattaforma che andrà compilato il bilancio iniziale delle competenze, il quale sarà costituito da tre aree. Nella fase conclusiva dell’anno di prova seguirà il bilancio delle competenze finali. Inoltre, ulteriori 12 ore dovranno essere dedicate all’attività di osservazione reciproca tra docente neoassunto e tutor.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Perna

Caterina Perna - Considero la formazione in anno di prova dei docenti neoassunti in ruolo molto valida, in quanto permetterà, durante i laboratori formativi, di affrontare in gruppo differenti tematiche sullo svolgimento della propria attività, in modo da accrescere in modo collaborativo e critico il proprio modo di operare come docente, sotto differenti aspetti e tematiche.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!