Iscriviti

Ufficiali gli AirPods Pro di Apple, in-ear e con cancellazione attiva del rumore

Benché fossero attesi per fine mese, sono arrivati letteralmente all'improvviso gli auricolari AirPods Pro di Apple che, nello specifico, si distinguono dalla precedente generazione per forma e sostanza, stante la presenza della cancellazione attiva del rumore

Hi-Tech
Pubblicato il 28 ottobre 2019, alle ore 19:21

Mi piace
8
1
Ufficiali gli AirPods Pro di Apple, in-ear e con cancellazione attiva del rumore

Da diverse settimane si attendeva la presentazione dei nuovi auricolari di Apple, accreditati di innovare un prodotto che, sin dalla sua introduzione, ha fatto scuola destando diversi tentativi, più o meno riusciti, di imitazione: ora, il momento dell’attesa è cessato, dacché da Cupertino è giunta l’ufficialità sui nuovi AirPods Pro.

I nuovi AirPods Pro si distinguono innanzitutto per la forma in-ear, con cuscinetti siliconici di tre differenti misure che contribuiscono ad un isolamento passivo dell’orecchio, rispetto ai rumori esterni: volendo prestare comunque attenzione ai segnali del traffico, o agli avvisi sui mezzi pubblici in partenza/arrivo, è possibile – grazie ai microfoni beamforming verso l’esterno – attivare la modalità “Trasparenza” che, appunto, aggira l’ostacolo dei cuscinetti.

Se, invece, l’intenzione è quella di concentrarsi sulla propria musica, è possibile innestare, sempre grazie al sensore di pressione (usabile anche per controllare la musica), la cancellazione attiva del rumore, ANC che, nel caso specifico degli AirPods Pro, risulta in grado di adattarsi alla forma dell’orecchio, al pari della funzione “equalizzazione adattiva“, che cura – sulla base del medesimo principio – l’erogazione musicale. 

Quest’ultima può beneficiare di driver in grado di esternare bassi profondi (toccando punte di 20 Hz) ma, grazie all’alta gamma dinamica offerta dagli amplificatori integrati, anche di sonorità che risultano cristalline sulle frequenze alte e medie. Il cervello dei nuovi AirPods Pro è sempre costituito dal chip H1 che, mediante 10 core audio, si occupa anche di gestire il passaggio da una modalità all’altra, con bassa latenza audio, oltre che l’attivazione di Siri (cui ci si rivolge da un apposito microfono): il tutto all’insegna di un’elevata efficienza energetica.

Sotto questo punto di vista, gli AirPods Pro, muniti di Bluetooth 5.0, garantiscono 3.5 ore di conversazione, che salgono a 4.5 (o 5, facendo a meno della modalità trasparenza e dell’ANC) nel caso dell’ascolto musicale: facendo ricorso alla custodia di ricarica, capace di fare il pieno d’energia via cavo Lightning o tramite wireless Qi, i nuovi auricolari di Apple possono arrivare a complessive 18 ore di conversazione telefonica, e 24 ore di playing musicale, con  1 ora extra per l’una o l’altra fattispecie d’uso dopo appena 5 ore di giacenza nella custodia. 

Aggiuntivi nel listino di Cupertino assieme al modello di seconda generazione (venduto con custodia a carica wireless per 229 euro), gli AirPods Pro saranno disponibili formalmente dal 30 Ottobre, ma già da oggi possono essere pre-ordinati al prezzo di 279 euro, beneficiando di un’incisione su misura gratuita.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Ogni tanto, Apple ci riesce, e presenta dei prodotti praticamente all'improvviso: è già successo diverse volte nell'ultimo anno, ed il trend prosegue, forse per tarpare le ali ai sempre più abili cacciatori di rumors, ed alle talpe interne che lavorano nei propri stabilimenti: considerando la differenza di prezzo rispetto al precedente modello, è senz'altro consigliato il passaggio alla terza generazione degli AirPods (Pro).

Lascia un tuo commento
Commenti
Giuseppe Chimenti
Giuseppe Chimenti

29 ottobre 2019 - 10:18:09

La Apple considera che la ricchezza del mondo è in continuo aumento... altrimenti non si spiega la sua logica dei prezzi....!

0
Rispondi