Iscriviti

Ufficiale da Google il developer kit ADT-3 con Android 10 a bordo

A qualche settimana di distanza dall'annuncio, arriva in commercio il set-top box concepito per permettere agli sviluppatori di realizzare app per le smart tv animate dalla versione 10 di Android TV: eccone la scheda tecnica completa.

Hi-Tech
Pubblicato il 31 gennaio 2020, alle ore 23:57

Mi piace
10
0
Ufficiale da Google il developer kit ADT-3 con Android 10 a bordo

Dopo averlo annunciato lo scorso Dicembre, Google ha finalmente reso disponibile all’acquisto il nuovo set-top-box Android TV, per sviluppatori, battezzato col nome di ADT-3, ovviamente con il supporto di Assistant ma, quanto a firmware, fondato sul nuovo sistema operativo mobile Android 10

In forma di tipico scatolotto, più o meno delle dimensioni del noto dongle Chromecast, ADT-3 può essere collocato dietro la TV, alla quale si aggancia mediante la porta HDMI 2.1, potendo acquisire i dati dalla microUSB, dallo storage interno pari a 8 GB, o mediante il Wi-Fi ac dual band

Corredato dell’efficiente connettività senza fili Bluetooth LE (low energy), seppur in versione 4.2, il set-top-box ADT-3, equipaggiato con un LED di stato, include un processore quadcore (1.8 GHz) Amlogic S905Y2 ed una GPU ARM Mali-G31 MP2, capace di supportare flussi video anche 4K UHD, ambedue messi in condizione di sfruttare 2 GB di RAM

Il telecomando in dotazione al box Android TV in questione, invece, palesa il classico pulsante con ghiera circolare touch, in alto, per barcamenarsi tra i menu mentre, in basso, spicca il bilanciere del volume: nel mezzo, campeggiano – in orizzontale – il pulsante per richiamare Google Assistant cui impartire i comandi vocali, e quelli per tornare indietro, passare alla Home, visualizzare le applicazioni recenti e, dulcis in fundo, spegnere il box smart. 

Ad oggi, il set-top-box ADT-3, basato su Android TV (10), certificato da Google come ambiente stabile e sicuro perché gli sviluppatori possano avvalersene per testare le proprie app destinate alle TV smart, è in vendita sul sito di Askey a circa 79 dollari (ovvero a 70 dei nostri euro) e, curiosamente, risulta acquistabile anche dall’utenza normale. Le spese di spedizione per l’Italia sono molto alte: in compenso, Google ha assicurato che lo stesso sistema, nei mesi a venire, sarà messo a disposizione anche di altri brand OEM, risultando più accessibile.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Certo che 70 euro sono tantini: è vero che questo set-top-box ha Android 10 ma, a conti fatti, credo che accusi, e non poco, il fatto d'essere dotato di varie certificazioni che lo rendono adatto agli sviluppatori. Insomma, è la destinazione d'uso a renderlo costoso: di conseguenza, conviene aspettare che lo stesso hardware, se non di meglio (visto che qui c'è il Bluetooth 4.2), arrivi in commercio nei prossimi mesi, direttamente nel Vecchio Continente,

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!