Iscriviti

Samsung Galaxy Book Flex Alpha: l’ultrabook convertibile 2-in-1 diventa più accessibile

In vista del CES 2020, ove godrà di un apposito stand espositivo, è stato anticipato da Samsung il nuovo ultrabook professionale 2-in-1 Galaxy Book Flex che, ora in versione Alpha, grazie a qualche compromesso, guadagna in economicità.

Hi-Tech
Pubblicato il 2 gennaio 2020, alle ore 19:33

Mi piace
9
0
Samsung Galaxy Book Flex Alpha: l’ultrabook convertibile 2-in-1 diventa più accessibile

Nonostante siano trascorsi solo pochi mesi dal varo del precedente modello, presentato in quel di Ottobre assieme al compagno Iron, Samsung ha colto l’occasione della sua presenza al CES 2020 di Las Vegas per anticipare, inaspettatamente, il successivo Galaxy Book Flex in versione “Alpha” (α) e colorazione Royal Silver.

Samsung Galaxy Flex Alpha (listato a partire da 829.99 dollari, entro la prima metà dell’anno, con esordio nel mercato USA) appartiene alla categoria dei 2-in-1 visto che, stante una cerniera con inclinazione a 360°, può essere piegato onde assumere varie posizioni (es. stand, tenda), compresa quella da tablet, beneficiando del supporto al tocco e all’uso di pennini capacitivi: pur presente Windows Ink, il tool Microsoft per prendere appunti sullo schermo, nel nuovo Alpha non è più compresa la S-Pen e, invece, occorre comprare a parte la Active Pen

Lo chassis in alluminio, con angoli più arrotondati, palesa un display QLED di derivazione TV, con una diagonale da 13.3 pollici inclusa tra cornici più ottimizzate, redatto con risoluzione FullHD: la parte alta ha lo spazio sufficiente ad alloggiare una webcam HD da 720p di ripresa, con due microfoni ai lati a supporto anche di Cortana, mentre l’emissione sonora conta su due speaker stereo da 1.5W.

Protetto in ottica sicurezza dalla presenza di uno scanner per le impronte digitali, il Samsung Galaxy Flex Alpha mette a disposizione dell’utente una tastiera retroilluminata ai cui lati vi è lo slot per le microSD, due USB 3.0, ed una Type-C, usabile per caricare rapidamente la batteria, da 54Wh che, portata a piena carica, garantisce sulla carta 17.5 ore di autonomia

La scelta dei processori, questa volta, è caduta su processori Intel di 10° generazione, affiancati da schede grafiche integrate (Intel UHD Graphics): la RAM (DDR4) è presente nelle pezzature da 8 o 12 GB, mentre lo storage, rigorosamente a stato solido (NVMe), va da 256 GB a 1 TB, passando per gli intermedi 512 GB di capienza. 

Perso la piattaforma di ricarica Qi mimetizzata nel trackpad, in compenso, grazie ai nuovi processori arriva la connettività stanziale di nuova generazione, Wi-Fi ax (o 6): il tutto, animato da Windows 10, all’interno di una silhouette estremamente compatta e leggera (304.9 x 202 x 13.9 mm per 1.19kg).

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Non mi aspettavo così presto questo modello di ultrabook, sebbene era certo che anche Samsung avrebbe ceduto, al pari di LG nelle scorse settimane, al fascino delle anteprime pre-fiera: in ogni caso, Galaxy Book Flex Alpha non mi sembra una scelta al ribasso, per il professionista visto che, già molto curato come look, ha una buona potenza, un'autonomia impressionante, ed il comodo uso à là tablet. Semmai, secca un po' la mancanza di uno stilo incluso nella dotazione d'acquisto.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!