Iscriviti

Pixel Buds A: ufficiali i nuovi auricolari true wireless di Google

Trapelati con molti dettagli nelle scorse settimane, sono stati svelati ufficialmente da Google solo nelle scorse ore i nuovi auricolari true wireless noti come Pixel Buds A, nelle nuance bianco e verde oliva, con diverse funzionalità smart e un ottimo prezzo.

Hi-Tech
Pubblicato il 4 giugno 2021, alle ore 04:43

Mi piace
6
0
Pixel Buds A: ufficiali i nuovi auricolari true wireless di Google

A circa due anni di distanza dai predecessori, ed a pressappoco una settimana dalla conclusione dell’evento Google I/O 2021, Mountain View ha ufficializzato i suoi nuovi auricolari senza fili Pixel Buds A, prezzati a circa la metà dei Pixel Buds 2

Esteticamente, i Pixel Buds A (20.7 x 29.3 x 17.5 mm, per 5.06 grammi) ricordano il vecchio modello, con una parte rotonda atta a ricevere i comandi touch: a tal proposito, è possibile rispondere alle chiamate, stoppare e avviare la musica, evocare l’assistente vocale, cui chiedere le notizie, gli eventi da calendario, la lettura delle notifiche, le indicazioni step-by-step di un percorso o, dopo aver usato la stringa adatta, di tradurre simultaneamente l’interlocutore (via Google Traslate) in una delle oltre 40 lingue supportate. Il volume si regola via app o chiedendolo al concierge vocale: volendo è possibile beneficiare di una funzione di volume adattivo, che lo regola secondo i suoni ambientali.

Il resto della forma degli auricolari Pixel Buds A prevede un’insenatura che termina con i gommini siliconici, un foro ambientale (per evitare il senso di soffocamento dell’orecchio, facendolo respirare e permettendogli di rimanere attento su quel che accade intorno), e un archetto di stabilizzazione, ammorbidito e rimpicciolito rispetto al passato: sempre rispetto al passato calano di uno i sensori di prossimità che stoppano la musica quando l’unità è estratta dall’orecchio, e sono presenti solo due contatti magnetici per la ricarica. La custodia (63 x 47 x 25 mm, per 52.9 grammi) ha sempre la forma a uovo, con un pulsante d’associazione dietro, un led di ricarica in alto, e la capacità di caricarsi via Type-C (niente wireless).

Impermeabili IPX4 contro sudore e gocce di pioggia, gli auricolari Pixel Buds A montano driver dinamici da 12 mm, arricchiti da un livello d’equalizzatore volto a esaltare i bassi: manca la cancellazione arriva del rumore, ovviata dal formato in-ear che sigilla le orecchie, con i due microfoni beamforming che isolano bene la voce dal frastuono ambientale.

Il Bluetooth 5.0, con codec AAC ed SBC, consente di usare singolarmente ciascun’unità, visto che supporta le connessioni singole delle stesse alla sorgente audio: a tal proposito, l’accoppiamento, istantaneo via Fast Pair, è molto semplice con i device Android (si estraggono gli auricolari dalla custodia e, sul telefono vicino, apparirà una notifica a scaricare l’app Pixel Buds. Disponendo di uno smartphone Pixel, ciò non serve essendo l’app, utile per aggiornare il firmware, attivare il volume adattivo o la messa in pausa smart, trovare gli auricolari in base alla loro ultima posizione facendoli anche suonare, o tener sotto controllo l’energia residua, integrata nel sistema operativo del telefono. Sui device iOS, i Pixel Buds A funzionano come normali auricolari Bluetooth, e vanno accoppiati col pulsante dietro la custodia.

In termini di autonomia, caricati totalmente in un’ora, ma con due ore extra dopo appena 10 minuti di rabbocco, gli auricolari Pixel Buds A assicurano 5 ore di riproduzione musicale, o 2.5 ore di chiamate e, con la custodia, un totale – rispettivamente – di 24 e 12 ore. Concepiti nelle nuance bianco o verde oliva, i nuovi earable di Google, in vendita sullo store ufficiale del brand, sono prezzati a 99 euro. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Ora sì che ragioniamo: manca ancora l'ANC, supplita alla bell'e meglio con i gommini e il volume adattivo, ma almeno il prezzo è più in linea con quanto offerto: i Pixel Buds A offrono un buon audio nell'ascolto e nelle chiamate, anche se è l'intelligenza artificiale di Google a far la differenza, come il meglio delle funzionalità sperimentabili in coppia con smartphone Android.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!