Iscriviti

Philips: ecco le prime smart tv del 2019, con tanti OLED, assistenti virtuali, e design

Philips, soprendendo la platea degli appassionati hi-tech, nel corso di un evento dedicato, ha alzato il sipario sulla prima trance di smart tv calendarizzata per il 2019, mettendo in mostra TV OLED ed LCD più potenti, con annessi Assistant ed Alexa.

Hi-Tech
Pubblicato il 24 gennaio 2019, alle ore 10:52

Mi piace
7
0
Philips: ecco le prime smart tv del 2019, con tanti OLED, assistenti virtuali, e design

Philips, noto marchio della tecnologia nord europea, ha battezzato il middle week in corso con un sorprendente evento nel corso del quale ha sfoderato la prima porzione di tv intelligenti previste per l’appena cominciato 2019: eccone le specifiche comuni, e gli elementi più interessanti dei modelli OLED ed LCD. 

A CES 2019 praticamente concluso, la multinazionale olandese della tecnologia annunciò alcune piccole novità a proposito delle sue celebri lampadine smart, le Philips Hue, aggiornandole in modo che consentissero di accendersi con le ultime impostazioni utilizzate, di erogare sempre una luce fredda e poco pompata ove ci si riposa, e di sfruttare Assistant per simulare l’alba ed il tramonto. Le vere sorprese, però, sono arrivate nelle scorse ore, con la prima tornata di smart TV del 2019, che precederà la seconda, a fine estate in occasione del prossimo IFA di Berlino.

I nuovi modelli sui quali Amsterdam ha alzato il sipario sono accomunati da diverse specifiche, quali una maggior diffusione della tecnologia OLED, un più diffuso coinvolgimento sia visivo (cornice trilaterale di LED Ambilight per diffondere ambientalmente la tonalità dominante nelle immagini, Dolby Vision, i principali formati di HDR con metadati dinamici/statici) che sonoro (Dolby Atmos, e Bowers and Wilkins), l’inclusione nell’ecosistema Philips Saphi Smart TV, senza dimenticare l’interazione tra Assistant (fornito da Android TV basata su Pie 9.0, tramite il microfono del telecomando) ed Amazon Alexa (indirettamente, tramite un hardware compatibile quale, per esempio, un Archos Mate), o l’accresciuta  (+20%) potenza elaborativa fornita dalla terza generazione dei processori P5, per l’occasione equipaggiati con algoritmi dediti a ridurre il rumore (es. il banding nei cambi di tonalità) ed aumentare il dettaglio (es. relativamente alle zone d’ombra, onde accrescere la profondità).

I modelli OLED 854 (cornice cromata, base di appoggio a T) e OLED 804 (base di appoggio tramite due mini piedini), cadenzati nei polliciaggi da 55″ e 65″, sono luminosi (1.000 cd/m2 – nits massimi) pannelli con risoluzione UltraHD: listati a prezzi che verranno comunicati in occasione dell’effettiva disponibilità primaverile dei medesimi, i nuovi modelli di smart tv Philips a diodi organici integreranno anche un sistema di audio che, tramite 2.1 canali,  consentirà un’erogazione complessiva di 50 W.

Sempre in primavera arriveranno sul mercato, nei polliciaggi da 50/55/65”, gli LCD premium della gamma 8804, dotati di micro dimming Pro, che ridurranno l’Ambilight su 3 lati, togliendolo da quello inferiore (antiestetico sulle TV appoggiate ad un piano) sul quale una striscia di tessuto nasconderà gli speaker B&W. Peccato che, in tale occasione, non si potrà apprezzare anche nel Bel Paese la TV LCD d’arredamento firmata dal gruppo di design danese Georg Jensen.

In compenso, anche nello Stivale sarà possibile apprezzare la Serie Performance 7304, presentata come “The One, formata da TV 4K con il nuovo processore P5 che, entro un layout minimalista a cominciare dalle esili cornici, proporrà diverse diagonali (43, 50, 55, 58, 65, 70”), con ampie tecnologie d’immagine (Dolby Vision, HDR10+) e suono (amplificazione a 20 Watt, DTS-HD, Dolby Atmos), contando pure sull’integrazione diretta di Assistant e su quella mediata (work with) di Alexa. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Di Philips, in quest'inizio di 2019, si è parlato molto poco quanto a smart tv, tutti presi dal modello arrotolabile di LG o da quello in stile LEGO di Samsung: vero e giusto. Però, a ben guardare, Philips ha un'esperienza altrettanto notevole in fatto di multimedialità e, quindi, è stato giusto tributare la dovuta attenzione anche ai piccoli gioielli di Amsterdam, con annessi pannelli OLED ed LCD al seguito.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!