Iscriviti

Onda Xiaoma 21, ultrabook con 8 ore di autonomia, e display FullHD

Onda, hardware house nota per i suoi tablet low cost, amplia la famiglia di portatili di casa, e vara - per l'occasione - l'Onda Xiaoma 21, con Intel Apollo Lake, 6 GB di RAM, display IPS FullHD, ed 8 ore di autonomia! In un soffio di alluminio, ed eleganza.

Hi-Tech
Pubblicato il 24 gennaio 2017, alle ore 19:34

Mi piace
9
0
Onda Xiaoma 21, ultrabook con 8 ore di autonomia, e display FullHD

Le tigri asiatiche hanno iniziato ad aggredire il mercato tecnologico partendo dagli smartphone, per poi passare ai tablet, ed ai convertibili. Di recente, vedi il caso Xiaomi, si sono lanciati anche nel segmento dei notebook, sfruttando il trend di ripresa portato in questo mercato da Windows 10. Onda, hardware house cinese capace di realizzare tablet dall’ottimo rapporto qualità prezzo, si cimenta anche in questo ambito, ampliando la famiglia Xiaoma, e varando il notebook Onda Xiaoma 21.

Onda Xiaoma 21 ha un corpo interamente in alluminio, in modo da risultare molto sottile (solo 12 mm) e leggero (1.08 kg), e da disperdere bene il calore, nonostante l’assenza di ventole: l’estetica è decisamente da ultrabook, con qualche richiamo ai Mac, specie nella sezione relativa alla tastiera. La differenza, però, sta nel fatto che l’ampio touchpad di questo device integra, in alto a destra, un lettore di impronte digitali, compatibile con la funzione di autenticazione Windows Hello.

A motorizzare questo elegante portatile della Onda, troviamo un processore a quattro core Celeron N3450, implementato dalla Intel con l’architettura Apollo Lake, capace di girare ad una frequenza di 1.1 GHz, per sprintare sino ai 2.20 GHz quando chiamato ad elaborazioni impegnative. Ad affiancarlo opera un banco da 6 GB di RAM, mentre lo storage – di tipo eMMC – è di soli 64 GB, ma può essere espanso sia grazie allo slot per le microSD (fino a 256 GB), sia grazie a periferiche esterne di archiviazione, collegabili alle porte USB.

A tal proposito, l’Onda Xiaoma 21 annovera 3 porte USB di dimensioni normali, di cui 2 velocissime 3.0, ed 1 di tipo C, utile anche per ricaricare la batteria del portatile, da 38 wH (7.6V), capace – secondo l’azienda – di erogare un’autonomia di 8 ore consecutive. Tra le altre porte, annoveriamo un jack da 3.5 mm per le cuffie, ed una porta micro HDMI. Le connettività, invece, sono affidate al modulo in grado di supportare il Wi-Fi 802.11 dual band nello standard ac.

Lato multimedia, l’elemento di output delle elaborazioni, è rappresentato da un display IPS da 12.5 pollici, con risoluzione FullHD (1920 x 1080 pixel), e da una coppia di altoparlanti stereo. La videocamera, non precisata, dovrebbe essere di tipo VGA. 

Implementato, lato software da Windows 10 a 64 bit, l’Onda Xiaoma 21 dovrebbe entrare presto in commercio, ad un prezzo ancora da definire. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - L'Onda Xiaoma 21, nel nome, tenterà anche un richiamo alla più blasonata Xiaomi, ma - nei fatti - è un portatile che, di suo, ha davvero tanti meriti. Innanzitutto, è decisamente bello, grazie a suo chassis molto sottile, in alluminio. Si regge con un palmo di mano, grazie al suo peso di circa 1 kg e, per il resto, ha tutte le funzionalità che si possono desiderare in un ultrabook di qualità: potenza di calcolo, autonomia, tanta RAM; per il multi-tasking, ed un hard disk a stato solido, non sono proprio cosa da poco. Se, poi, ci aggiungiamo anche il lettore di impronte, viene fuori un quadro notevole, per un probabile device low cost.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!