Iscriviti

MateBook E 2019: da Huawei i convertibili 2-in-1 always connected con 4G LTE

Huawei, particolarmente attiva in questo periodo, ha completato la sua offerta di portatili, per questa prima parte del 2019, con l'annuncio dei nuovi MateBook E 2019, convertibili 2-in-1 con grande attenzione a multimedialità, autonomia, e connettività.

Hi-Tech
Pubblicato il 15 aprile 2019, alle ore 11:30

Mi piace
7
0
MateBook E 2019: da Huawei i convertibili 2-in-1 always connected con 4G LTE

Messi ormai nel cassetto i notebook premium ufficializzati in occasione dello scorso MWC 2019, la cinese Huawei ha presentato un inedito convertibile 2-in-1, il MateBook E 2019, animato per la prima volta da un processore non Intel e, come da tradizione del brand, ben ottimizzato quanto a connettività. 

MateBook E 2019 (278.2 x 194.2 x 8.5 mm, a 698 grammi per la sola porzione tablettistica) è concepito per assicurare un’ottima esperienza multimediale quando si è in giro: la batteria, da 36.3Wa, settando la retroilluminazione al 50%, permette di riprodurre un video locale, in FullHD, per circa 10 ore e, alla bisogna, recupera il 90% dell’energia in un’ora e mezza in virtù della ricarica rapida.

Il display, con lo stesso rapporto panoramico 3:2 dei Microsoft Surface, è un pannello LCD da 12 pollici con risoluzione da 2160 × 1440 pixel, immune alle impronte grazie al trattamento oleofobico, touch e compatibile con una M Pen Lite (non inclusa), dotato di un ottimo angolo di visuale (IPS, 160°) per la visione di gruppo, ma anche rispettoso della vista, come confermato dalla certificazione TUV Rheinland. Grazie alla cover con tastiera ad aggancio magnetico, provvista di uno stand inclinabile (110-160°), alle posizioni da notebook e tablet, si affiancano anche quella da tenda e display. 

Procedendo nell’esperienza multimediale del nuovo MateBook E 2019, è doveroso citare il supporto – negli speaker stereo – garantito alla sonorità immersiva Dolby Atmos, con un audio sempre potente, grazie all’amplificazione intelligente SmartPA: ovviamente, non mancano le fotocamere, con quella per selfie e videochiamate impostata a 5 megapixel e quella posteriore, per immortalare i soggetti terzi, da 13 megapixel.

Altri elementi a favore del MateBook E 2019 sono la versatilità d’uso, e la summenzionata ottima connettività. Nel primo caso, il convertibile fa mostra del jack da 3.5 mm, di uno scanner d’impronte laterale, di una porta microUSB Type-C, per accessori, trasferimento dati veloce e ricarica, oltre che della feature Huawei Share 3.0 One Touch, in pratica funzionale a scambiare i dati col computer alla velocità di un click. Per la connettività, invece, si fa affidamento su un’antenna 4×4 Mimo che, nella fattispecie, garantisce stabilità ed evita che il Bluetooth 5.0 ed il Wi-Fi dual band interferiscano tra loro ma, in più, è presente la connettività mobile 4G LTE cat. 16 (1 film HD da 1 GB scaricato in 8 secondi, nel caso di una velocità teorica di download a 1 Gbps). 

La scelta che ha permesso al MateBook E 2019 di essere un convertibile always connected, per giunta con dissipazione termica fanless, priva di ventole, è stata quella di adottare un processore Qualcomm, ovvero lo Snapdragon 850, qui messo in tandem con 8 GB di RAM e, a seconda della configurazione scelta, con 256 o 512 GB di storage (UFS). Il sistema operativo è, infine, rappresentato da una versione Home di Windows 10, in procinto di ricevere a breve il May Update 2019. 

Allestito nelle poetiche nuance Charm Blue Sea e Titanium Ash, Huawei MateBook E 2019 può essere acquistato rispettivamente a circa 550 e 660 euro (ovvero a 3.999 e 4.999 yuan) per le combinazioni 8+256 ed 8+512 GB, grazie ai consueti importatori asiatici. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - I MateBook sono sempre più una garanzia dal punto di vista tecnico e realizzativo: la scelta di processori Qualcomm per il presente MateBook E 2019 è un po' un azzardo, rispetto ai consueti processori X86 di Intel, seppure funzionale ad offrire un prodotto con grande autonomia e connettività 4G. Ovviamente, le sue capacità prestazionali andranno verificate sul campo, con compiti impegnativi, ben oltre le normali routine da ufficio.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!