Iscriviti

LG e Philips: è sfida a suon di monitor smart per gaming (e professionisti)

Quasi in una sorta di sfida a distanza, LG e Philips hanno stuzzicato gli appetiti di gamers e professionisti tramite diversi display premium, con i sudcoreani che hanno schierato le linee UltraWide e UltraGear e gli olandesi che hanno risposto con i Momentum.

Hi-Tech
Pubblicato il 27 giugno 2020, alle ore 23:33

Mi piace
8
0
LG e Philips: è sfida a suon di monitor smart per gaming (e professionisti)

A poche ore l’una dall’altra, LG e Philips hanno annunciato nuovi display, col brand sudcoreano che ha illustrato nuovi modelli nella serie professionale UltraWide e in quella da gaming UltraGear, e il marchio olandese che si è concentrato su una coppia di monitor da salotto, per videogiocatori esigenti.

Nella serie UltraWide, LG ha schierato 3 modelli, 38WN95C (Settembre), 34WN750 (fine Giugno), 29WN600 (fine Giugno), accomunati dall’adozione di pannelli LCD IPS con formato panoramico a 21:9 (utile a visualizzare più contenuti e app in parallelo) e supporto all’HDR 10: lato software, i modelli in questione beneficiano di “Split Screen” (scelta di vari layout per organizzare il desktop secondo le necessità) e “OnScreen Control” (settaggi agevolati via mouse). Passando alle differenze, il modello 38WN95C ha un pannello curvo da 38 pollici risoluto in QHD+, con ottima copertura cromatica (DCI-P3 al 98%, essendo un Nano IPS), elevate fluidità (refresh rate al 144%) e responsività (1 ms di tempo di risposta), supporto al G-SYNC di Nvidia: provvisto di una porta Thunderbolt 3, riceve e visualizza i segnali da due fonti differenti (passando per la connessione multipla “Picture by Picture“), adattando la luminosità delle immagini a quella ambientale (via “Ambient Light Sensor“). 

Sempre molto accurato nella resa cromatica (99% sulla scala sRGB) è il modello 34WN750, che declina il suo QHD+ secondo una diagonale di 34 pollici, riducendo le performance in termini di refresh rate (75 Hz) e reattività (5 ms): rispetto al modello precedente, certificato DisplayHDR 600, in questo caso la luminosità cala a 300 nits ma, in compenso, è disponibile il supporto al FreeSync, vi è l’antisfarfallio (Flicker Safe) e una buona modalità lettura (Reader Mode) con effetto carta. L’output sonoro, sostanziato in 14 W erogati da due speaker, gode delle ottimizzazioni MaxxAudio. Simile al precedente modello è l’ultimo UltraWide, il 29WN600 che, però, adotta un pannello FullHD da 29 pollici, leggermente meno luminoso (250 nits). 

Nella serie UltraGear, LG colloca i 38GN950 (fine Giugno), 34GN850 (fine Giugno), e 27GN950 (Settembre), il cui minimo comun denominatore prevede colorati pannelli NanoIPS con refresh rate dinamico da 144 a 160 Hz, e tempo di risposta a 1 ms: 38GN950 ha un piedistallo orientabile in altezza e inclinazione, oltre a una coverback con LED a cerchio (Sphere Lightning 2.0) in grado di risaltare a seconda del ritmo o dei colori dei giochi. Di base, monta un pannello QHD+ da 38 pollici che punta molto sui colori (DCI-P3 al 98%) e sulla luminosità (DisplayHDR 600), evitando lag rispetto alla scheda grafica, grazie ai supportati standard NVIDIA G-SYNCAMD FreeSync Premium Pro

Condivide gran parte delle specifiche di tale modello (compreso il formato 21:9) il successivo 34GN850 che, però, dispone di un pannello da 34 pollici con luminosità di picco inferiore (DisplayHDR 400) e FreeSync “solo” Premium: torna ad avere G-SYNC, FreeSync Premium Pro, e DisplayHDR 600, il modello 27GN950 che, però, è un UHD da 27 pollici. 

Alle consolle attuali (ma non alle prossime Xbox X Series e PS5) punta decisa Philips, con i display 558M1RY (fine Giugno, 1.299 euro) e 278M1 (entro Luglio, a 449 euro) inseriti nella gamma Momentum. Il primo modello cela, dietro un vetro con trattamento antiriflesso, un LCD panoramico (16:9) da 55 pollici in grado di applicare il refresh rate da 120 Hz alla risoluzione 4K passando per la porta DisplayPort 1.4 (con input lag a 1.5), ma non col trio di HDMI 2.0 (input lag a 2.5 ms), per le quali i 120 Hz funzionano solo in FullHD (mentre il 4K va a 60Hz). Tra le altre porte, spicca l’ingresso per le cuffie, una USB Type-C e un poker di USB.  3.2,

Trattandosi di un monitor VA (con led allineati verticalmente, gestiti mediante un local dimming a 144 zone), il contrasto è molto elevato (4000:1), ma non manca nemmeno un’accurata resa dei colori sulle principali scale cromatiche (95% per il DCI-P3, 104% per l’NTSC, 125% per l’sRGB), un tempo di risposta basso (4 ms), e un accesa luminosità di punta (HDR1000, con picco di 1.200 nits). Evitati colli di bottiglia grazie al FreeSync Premium Pro, in termini di coinvolgimento multimediale risultano presenti l’illuminazione perimetrica (su 3 lati) Ambiglow (praticamente uguale all’Ambilight delle TV del brand), ed una soundbar Bower & Wilkins da 40 W di picco con ottimizzazione DTS Sound e vari preset audio (tra cui uno customizzabile). 

Decisamente più economico, anche per i 60 Hz di refresh rate e la diagonale di soli 27 pollici destinati al pannello IPS 4K è il Philips Momentum 278M1: quest’ultimo vanta 1000:1 di contrasto e una luminosità di 350 nits, oltre a una buona resa dei colori (89% per l’Adobe RGB, 9!% per l’NTSC, 105% per l’sRGB) ed a tempi di risposta davvero contenuti (1 ms per la persistenza di visibilità dei pixel e 4 ms per il passaggio da grigio a grigio). Dotato di quattro USB 3.2, di due HDMI 2.0, di un jack da 3.5 mm e di una DisplayPort 1.4, il coinvolgimento sonoro perde qualcosa, potendosi affidare solo a due speaker DTS Sound da 5W ma, in compenso, l’illuminazione perimetrica Ambiglow qui copre 4 lati.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Nella scelta di un buon monitor da gaming, certo la resa dei colori, ed il contrasto sono importanti: in tal senso, sarà bene scegliere con cura tra un pannello IPS ed un VA, sebbene la qualità complessiva sia buona in ambedue i casi. LG ha differenziato le sue proposte per target, badando ai professionisti con gli UltraWide e ai gamers con gli UltraGear mentre, nel caso di Philips, i due modelli Momentum presentati (ma più nello specifico il primo) sembrano in grado di accontentare ambedue le utenze.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!