Iscriviti

HP Reinvent 2020: ufficiali i nuovi notebook, computer e monitor per lo smart working

All'evento annuale tenuto da HP per interfacciarsi con i propri partner, il colosso dell'hardware americano ha messo in mostra diversi monitor per i meeting online, ma anche, tra le altre cose, nuovi portatili e computer (ultra) compatti e salvaspazio.

Hi-Tech
Pubblicato il 17 settembre 2020, alle ore 00:54

Mi piace
7
0
HP Reinvent 2020: ufficiali i nuovi notebook, computer e monitor per lo smart working

Appare ormai chiaro che il coronavirus ha indotto una sorta di nuova normalità, non solo in ambito professionale, spingendo molto sul pedale dello smart working, ma anche in ambito didattico, con un notevole ritorno all’uso dei device informatici anche tra gli utenti della generazione Y (+27%) e Z (+24%), abitualmente propensi alla computazione palmare. HP, nel corso dell’evento HP Reinvent 2020, si è fatta trovare pronta con diversi dispositivi hardware, tra notebook e monitor.

Fresca reduce dal varo di accessori Omen, il brand americano ha schierato inizialmente il notebook HP ProBook 635 Aero G7 (Novembre): leggero (sotto il kg) ma resistente, grazie al telaio in alluminio e magnesio, quest’ultimo palesa un luminoso (1000 nits) display FullHD da 13.3 pollici, al quale si antepone una tastiera progettata per resistere a numerosi (oltre 1.000) cicli di sanificazione, sotto la quale sono di ruolo i processori AMD Ryzen 4000 Series, dai Ryzen 3 ai Ryzen 7 (anche Pro), con massimo 32 GB di RAM e 1 TB di storage SSD PCIe. Disponibile con due diversi tagli energetici, in ragione di batterie da 53 o 42 WHr, l’HP ProBook 635 Aero G7 si connette al web via Wi-Fi ax/6 e, opzionalmente, mediante il modem per il 4G/LTE cat.9 advanced. 

Chi necessitasse di contenere gli ingombri in ufficio, o sulla propria scrivania, certo convergerà sulle serie di miniPC ProBook G8 ed EliteDesk 805/405 G6: la prima, anche in small form factor (SFF), comprende i modelli 400 (Novembre, da 729 dollari) e 600 (Novembre, da 1.169 dollari) che, essendo applicabili anche dietro un monitor, adottano processori a basso consumo energetico, comunque degli Intel di 11a generazione più che bastevoli per la maggioranza delle routine professionali.

Più potenti, i modelli EliteDesk 805 G6 risultano anche molto versatili, essendo disponibili in SFF (Ottobre, da 929 dollari) con storage affidato a due slot per SSD M.2, come Tower con GPU opzionale Nvidia GTX 1660 Ti al servizio di processori AMD Ryzen 7, e come miniPC (sempre nel segno delle APU AMD Ryzen, a Novembre, da 939 dollari). Discorso simile per gli EliteDesk 405 G6 (Novembre, da 649 dollari per il miniPC), che mette ai timoni di comando ancora il chipmaker AMD, cui è affidato il compito di fornire le APU Ryzen Mobile Pro.

Non mancano, infine, i display. HP E24d e E27d sono (da Ottobre) dei conference monitor da 24 (369 dollari) e 27 pollici (499 dollari), con webcam pop-up FullHD, microfoni, speaker via smartbar sottostante che, grazie alla porta di connessione USB Type-C, sono anche in grado di caricare financo a 100W un notebook: l’E24T G4 TOUCH (Dicembre, 349 dollari), simile ai precedenti, è un ergonomico pannello FullHD da 23.8 pollici sensibile al tocco con un occhio di riguardo per l’ecologia, rispettata nella confezione (materiali riciclati al 100%) e nello chassis (plastica di riciclo per l’80%). 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Niente male: il trend è ormai chiaro. Anche a pandemia finita si tenderà sempre più a favorire il lavoro e la didattica remota, non foss'altro per il buon impatto sull'ambiente, sul traffico, e sulla gestione del proprio e dell'altrui tempo. Supporti informatici all'altezza sono quindi adeguati e sempre più necessari, come per altro reso possibile dall'arrivo, anche in seno ad HP, delle nuove soluzioni computazionali di AMD e Intel.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!