Iscriviti

DELL: al CES 2021 con i gamici notebook/pc Alienware e con notebook/Chromebook didattici

Anche DELL si è presentata in veste digitale all'edizione virtuale del CES 2021, mettendo a disposizione nuovi portatili per la formazione a distanza, a base Windows/ChromeOS, ma anche notebook e PC per i gamers, grazie agli aggiornati Alienware.

Hi-Tech
Pubblicato il 13 gennaio 2021, alle ore 13:00

Mi piace
1
0
DELL: al CES 2021 con i gamici notebook/pc Alienware e con notebook/Chromebook didattici

DELL è conscia che, causa coronavirus, si trascorra più tempo in casa, sia per l’istruzione che per il divertimento e, di conseguenza, durante il CES 2021, ha presentato diversi notebook/computer, ad alte prestazioni per i gamers affezionati al brand Alienware (acquisito ormai da anni), e Chromebook / Windows based di fascia bassa ma resistenti e autonomi per la didattica a distanza.

Partendo da questi ultimi, il Chromebook 3100 (in arrivo dalla primavera) ha telaio plasticoso capace di reggere a cadute da 76 cm sull’acciaio, e a spruzzi d’acqua da varie angolazioni sulla tastiera: il display, da 11.6 pollici risoluto a 1366 x 768 pixel, è attorniato da spesse cornici. Nella cabina di comando, opera un processore Intel dual core, coadiuvato da 4 GB di RAM (LPDDR4 2400 MHz), mentre lo storage (eMMC) è previsto nei tagli da 16 e 32 GB, sufficienti per un sistema che, animato da ChromeOS, va di cloud a tutto spiano. Lato porte, il Chromebook 3100 ha un paio di USB Type-A, il jack da 3.5 mm e alcune porte USB 3.1 (due nel modello con solo Wi-Fi, una in quello col 4G opzionale). 

Resistente al pari del modello precedente, ma schedulato per l’esordio già da questo mese (a 429 dollari), è il più prestante Latitude 3120 (anche in versione 2-in-1) che, animato da Windows 10, mette in posizione di traino i GHz offerti dagli appena presentati processori Celeron Serie N e Pentium Silver di Intel, grazie ai quali sarà di ruolo la connettività migliorata Wi-Fi 6E

Passando al top delle performance, è d’uopo guardare ad Alienware, la divisione gamica di DELL che, con il CES 2021 nel mirino, ha sfoderato innanzitutto due portatili (con Windows 10 Home/Pro, sempre Gennaio, da 2.149.99 dollari) e un aggiornato desktop, sempre nelle colorazioni Dark Side of the Moon e Lunar Light.

L’Alienware m15 R4 mette a disposizione un display con tracciamento oculare Tobii, da 15.6 pollici, FullHD (300 Hz, 3 ms, 100% sRGB, 300 nits) o UHD (60 Hz, 1 ms, 400 nits, 100% DCI-P3) mentre il modello m17 R4 declina il suo 17.3 pollici secondo due opzioni FullHD 144 o 350 Hz, 7 o 5 ms, 100% su NTSC o sRGB) sempre luminose (300 nits) e con G-Sync, alternative alla versione UHD (60 Hz, 100% Adobe sRGB, 500 nits, 25 ms). Il comparto logico posto sotto la tastiera retroilluminata (RGB a tasto singolo) è comune sia nel notebook grande che in quello piccolo, e prevede l’innesto dei processori Intel Core i7-10870H / i9-10980HK supportati dalle nuovissime GPU RTX mobile Serie 30 di Nvidia, con la RAM (2933MHz) che arriva anche a 32 GB, vs i 2 TB massimi dello storage SSD (M.2 PCIe). 

Le porte prevedono il Thunderbolt 3 (via USB 3.2 Type-C con anche DisplayPort 1.2), il connettore per il box con eGPU Alienware Graphics Amplifier), la possibilità di collegare vari schermi esterni (tra cui uno in 4K@120fps via HDMI 2.1), un lettore di schede di memoria, un RJ-45 Killer, e alcune USB 3.2 di 1a gen (una anche con PowerShare). Corredati da batterie da 86 Whr, i nuovi notebook Alienware m da 15 e 17 pollici non mancano delle connettività senza fili, Bluetooth 5.1 e Wi-Fi 6 (modem Killer). 

Il desktop futuristico Alienware Aurora R10 (da 1.079.99 dollari), provvisto delle connessioni senza fili Wi-Fi (5 o 6) e Bluetooth (5.0 o 5.1), ed ovviamente di tante porte, dopo la prima edizione, vira sul lato AMD della forza computazionale e, nello specifico, può spingersi sino ai processori Ryzen 5.000: la GPU di default è una Radeon (sino alla Radeon RX 6800), ma si può virare sulle Nvidia (sì: anche sulla nuovissima ed estrema GeForce RTX 3090 con 24 GB di memoria riservata), sempre beneficiando del raddoppio di banda passante offerto dall’interfaccia PCI-Express 4.0. Partendo da appena 32 GB, la RAM (DDR4) dual channel HyperX Fury può essere espansa sino a 128 GB, mentre lo storage, sia l’SSD (M.2 PCIe NVMe) che l’HDD meccanico, toccano la vetta dei 2 TB massimi. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Indubbiamente, il miglioramento prestazionale previsto nei gaming notebook-pc Alienware è giustificabile, posto che il realismo dei giochi è cresciuto, e che si sta facendo largo il settore degli eSport, con anche le esigenze dello streaming videoludico. Tuttavia, qualcosina in più si poteva fare per il Chromebook: per fortuna, il settore didattico potrà contare anche su un ottimo Latitude...

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!