Iscriviti

Bosch: arriva in Italia il sistema che avverte se si marcia contromano

Bosch ha inventato un programma che, disponibile anche in Italia, avverte gli automobilisti se stanno percorrendo una strada contromano. Ecco come funziona il software.

Hi-Tech
Pubblicato il 24 marzo 2019, alle ore 13:06

Mi piace
6
0
Bosch: arriva in Italia il sistema che avverte se si marcia contromano

Di automobilisti che guidano contromano se ne sente parlare spesso ai telegiornali (es. il caso di un ubriaco in autostrada, a bordo di una Panda) e sono proprio coloro che mietono più vittime sulle strade, in quanto la velocità relativa tra due auto che viaggiano in senso opposto si somma: ad esempio, basta che entrambe vadano a 30 km/h per provocare gli stessi danni di un’auto che ne viaggia a 60 e sbatte contro un muro. Stando a quanto riportato dalle statistiche, ogni anno si verificano almeno 2 mila casi di marcia contromano in Germania.

Ma Bosch ha inventato un sistema che risolve questo problema: si chiama “wrong way driver warning” e il suo funzionamento è basato sul cloud. Al momento, è disponibile in 13 Paesi, tra cui anche l’Italia. 

Bosch: addio agli automobilisti contromano

La parte geniale del software è che non solo viene avvisato l’automobilista che si trova contromano, ma anche coloro che lo circondano ricevono delle notifiche in tempo reale su ciò che sta succedendo. Inizialmente, nel 2018, quando è stato lanciato il servizio, solo due radio avevano questo programma: Antenne Bayern e Rock Antenne.

Con il passare del tempo, le app con supporto al wrong way driver warning sono diventate 15 e si dividono in app per navigazione, radio, e streaming. Bosch ha già sviluppato anche la versione installabile sui sistemi infotainment degli autoveicoli.

Il funzionamento è molto semplice: il software confronta l’andamento reale del veicolo con quello consentito dalla strada. Se coincidono, allora è tutto a posto, ma se per sbaglio si imbocca l’autostrada contromano, immediatamente l’automobilista riceve la notifica e lo stesso vale per gli altri che si trovano nella zona di pericolo. Logicamente, più il software si diffonde e maggiore sarà efficace: è lo stesso meccanismo che ha portato al successo l’app Waze per il controllo del traffico. Con l’arrivo sull’infotainment, non sarà necessario controllare il telefono, ma le notifiche arriveranno direttamente in auto.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - Un esempio di come la tecnologia possa salvare le vite umane. Spesso sento parlare di incidenti mortali perché alcuni iniziano a viaggiare per chilometri in contromano e ad alte velocità, senza preoccuparsi di coloro che provengono dal senso di marcia giusto. Il risultato, nella maggior parte delle volte, è disastroso.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!