Iscriviti

Apple: dopo i tablet, tocca agli all-in-one, con gli aggiornamenti degli iMac Retina e iMac Pro

Centellinando i propri annunci hardware, quasi a cadenza giornaliera, Apple ha aggiornato il listino online dei suoi nuovi all-in-one iMac Retina (stesso design, numero porte uguale, ma più potenza) da 21.5 e 27 pollici, senza dimenticare i pregiati iMac Pro.

Hi-Tech
Pubblicato il 20 marzo 2019, alle ore 01:46

Mi piace
6
0
Apple: dopo i tablet, tocca agli all-in-one, con gli aggiornamenti degli iMac Retina e iMac Pro

Onde “tirare la volata” all’evento del 25 Marzo prossimo, nel corso del quale Apple presenterà i suoi nuovi servizi in abbonamento, legati all’intrattenimento e all’informazione, il colosso di Cupertino sta annunciando, quasi a cadenza giornaliera, delle piccole novità di carattere hardware. Messo in ghiaccio i nuovi tablet, ora è la volta degli aggiornamenti destinati agli all-in-one, con affinamenti dedicati tanto agli iMac Retina quanto agli iMac Pro.

I nuovi iMac Retina del 2019 conservano lo stesso, intatto, design in auge dal lontano 2012, mentre – dalla precedente generazione, datata 2017 – vengono mutuati gli schermi luminosi (500 nits) e dai colori vivaci (1 miliardo di sfumature, grazie allo spazio cromatico P3) in 4K per il modello da 21.5 pollici, e in 5K per il modello (semi professionale) da 27 pollici (presumibilmente usato anche da chi mixa musica con Logic Pro X, edita i video con Final Cut Pro X).

Anche la dotazione di porte non cambia, con l’acquisizione di file via microSD o tramite quattro porte USB 3.0, mentre la connessione di schermi esterni punta ancora sulle due Thunderbolt 3, quella delle cuffie sul jack da 3.5 mm, e la connessione cablata sulla porta Gigabit Ethernet. Gli upgrade avvengono a livello elaborativo.

Nel caso degli iMac 21.5”, listati a cominciare da 1.549 euro, il guadagno prestazionale viene ottenuto grazie a processori Intel di 8° generazione, con un quad-core di base che, volendo, può lasciare il posto a un i7 esa-core (da 3.2 a 4.6 GHz in TurboBoost) mentre, in ambito grafico, la GPU integrata Intel Iris Plus 640 può essere avvicendata con una scheda grafica dedicata con 2 (Radeon Pro 555X) o 4 (Radeon Pro 560X o Vega 20) GB di memoria riservata. 

Passando alle memorie, la RAM dell’iMac 21.5”, di tipo DDR4 e con frequenza pari a 2.666 MHz, prevede tre pezzature, da 8 a 32 passando per 16 GB, laddove lo storage si ferma al solo taglio da 1 TB (hard disk meccanico da 5.400 rpm, SSD, o ibrido Fusion Drive).

Il più grande iMac 27”, già in vendita a partire da 2.199 euro, può spingersi sino alla 9 generazione (con 6 od 8 core) per i processori Intel Core (es. i9 da 3.6 a 5.0 GHz) e, nel permettere l’adozione di una scheda grafica dedicata, parte dai modelli (Radeon Pro 570X o Pro 575X) con già 4 GB di VRAM per arrivare a quelli con 8 GB (Radeon Pro Vega 48 o Pro 580X). In questo caso, di un gradino più in alto risultano essere anche la RAM, qui anche nel taglio massimo da 64 GB, e lo storage, che contempla o un SSD da 2 TB, o un Fusion Drive da 1 (configurazione base) o 3 TB

Ovviamente, non potevano rimanere intonse le configurazioni destinate agli iMac Pro, solitamente sfruttati in contesti professionali: in questo caso, l’opzione massima di RAM (ECC DDR4 da 2.666 GHz) ora tocca quota 256 GB, mentre – in ambito grafico – fa il suo esordio una terza opzione di scelta, in veste di GPU Radeon Pro Vega 64X in cui la dotazione di memoria HBM2 ammonta a ben 16 GB. Il risultato dei nuovi aggiornamenti si traduce in una configurazione massima (basata sul processore 18-core Intel Xeon W) comprensiva anche di 4 TB di SSD, oltre che di un Magic Trackpad 2 e di un Magic Mouse 2, prezzata a ben 18.500 euro.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Lo confesso: pur amando i notebook, per un all-in-one Apple potrei anche fare una follia. Credo che, a livello di qualità visiva, siano il non plus ultra (con buona pace dei pur superbi Sony, per quel che riguarda il mondo Windows). Il punto è che 18.500 euro per un computer da scrivania, per quanto destinato a studi professionali, sono una cifra pazzesca: immagino commisurata alla potenza pazzesca che si potrà ottenere da un iMac Pro configurato al top.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!