Iscriviti

AIWO 737A2: un ultrabook simil MacBook Air praticamente regalato e con Windows 10

Da qualche tempo, il settore dell'informatica low cost è andato a comprendere anche prodotti, notebook nella fattispecie, che - per la loro stessa natura (come nel caso degli ultrabook) - dovrebbero costare molto: è il caso del'ultrabook AIWO 737A2.

Hi-Tech
Pubblicato il 12 dicembre 2018, alle ore 19:51

Mi piace
11
0
AIWO 737A2: un ultrabook simil MacBook Air praticamente regalato e con Windows 10

AIWO, produttore cinese di hardware informatico, è tornato a colpire (dopo il modello dello scorso Ottobre) l’impero dei grandi marchi grazie al recente ultrabook AIWO 737A2 che, a buon ragione, può essere definito come una versione estremamente low cost (pressappoco 168 euro, scontato del 42% rispetto al prezzo di listino, pari a circa 290.30 euro) del MacBook Air di prima generazione, ovviamente – nella fattispecie – animato da ben altro hardware e, soprattutto, da Windows 10.

L’ultrabook AIWO 737A2 ha un elegante telaio argentato, facile da trasportare essendo anche molto sottile (0.6 mm di spessore sul cuneo), e leggero (1.2 kg): una volta aperto, antepone all’utente un display LCD IPS da 13.3 pollici, con risoluzione FullHD (1920 x 1080 pollici), contenuto entro cornici laterali molto esili, mentre nella lunetta superiore è posta una webcam VGA da 0.3 megapixel, con microfono, per Skype (potendo ascoltare le risposte dai due speaker).

Sotto la tastiera, ai cui lati troviamo il combo da 3.5 mm per le cuffie e microfono, un ingresso mini HDMI per connettere un display più grande, uno slot per le microSD e (una per parte) due USB 3.0, è posto un hardware concepito per esaltare l’autonomia del terminale, senza andare a scapito della fluidità operativa, o scaldare troppo (fanless): il processore è un quad-core (1.1 GHz che diventano 2.2 in Turbo Boost) Intel Cherry Trail Z8350, munito di scheda grafica integrata Intel HD Graphics, ottimale per le normali attività di ufficio, di navigazione, consultazione della posta, e fotoritocco base con Gimp, Paint.net, e Photoshop Express. 

La RAM (DDR3L) è formata da un banco di 4 GB (disponibile un secondo per ulteriori 4 GB), mentre lo storage si conferma discretamente capiente ed anche molto veloce, essendo formato da una memoria flash NAND (eMMC 5.1) ammontante a 128 GB.

Ad energizzare l’AIWO 737A2 è stata chiamata una notevole batteria, da 8.300 mAh, alla quale viene accreditata, teoricamente (anche grazie al basso consumo energetico –  4/6W – del terminale), un’autonomia che oscilla secondo la tipologia di lavoro intrapreso: in ogni caso, pur in presenza di un massimo di 8 ore, non si scende mai sotto un minimo di 5, ed è facile procedere alla ricarica grazie all’alimentatore compreso (da 5V 3A). Le connessioni, infine, sono due: oltre al Wi-Fi n, vi è anche il Bluetooth 4.0, per un agile trasferimento dei dati dallo smartphone, o l’uso di un combo tastiera+mouse esterno. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Sarei davvero curioso di toccare con mano l'AIWO 737A2: da un certo punto di vista, è difficile resistere a un ultrabook del genere, presentandosi bene esteticamente e costando dannatamente poco. Tuttavia, mi piacerebbe valutare la resistenza alle flessioni del telaio, e l'effettiva fluidità di Windows 10 che, comunque, con una memoria Flash su cui alloggiare, e 4 GB di RAM per il multi-tasking, non dovrebbe inchiodare nel compiti base.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!