Iscriviti

Verissimo, Silvia Toffanin gelata dall’ospite: "Mia madre voleva che mi buttassi da un ponte"

Nel corso dell'ultima puntata di Verissimo, Silvia Toffanin ha intervistato Ema Stokholma, deejay di fama internazionale che ha raccontato la sua terribile infanzia

Gossip
Pubblicato il 20 dicembre 2020, alle ore 18:38

Mi piace
4
0
Verissimo, Silvia Toffanin gelata dall’ospite: "Mia madre voleva che mi buttassi da un ponte"

Sabato scorso nel salotto di Silvia Toffanin è stata ospite per un’intervista la deejay Ema Stokholma, che ha parlato soprattutto della sua infanzia e della sua adolescenza da incubo accanto a una madre fortemente instabile, che costituiva un pericolo non solo per se stessa, ma anche e soprattutto per i suoi due figli minorenni, tra cui appunto Ema. In particolar modo, la Toffanin è rimasta sconvolta nell’apprendere un episodio terribile che ha segnato la vita della sua ospite. 

Quando Ema era poco più che una bambina, infatti, sua madre la portò su un ponte e cercò di convincerla a buttarsi. Una vera e propria istigazione al suicidio, insomma, non solo dal punto di vista psicologico ma anche da quello fisico; se infatti non fosse passato per caso il libraio del paese, Ema probabilmente si sarebbe buttata a causa della pressione materna, impossibile da comprendere per una bimba così piccola.

Silvia Toffanin scossa dal dramma di Ema Stokholma

La Stokholma proseguito spiegando che raramente la violenza di sua madre si esprimeva con vessazioni fisiche, ragion per cui né lei né suo fratello hanno mai portato sul corpo i segni di quello che subivano. Si trattava infatti di una violenza più sottile, prettamente psicologica, che non lasciava tracce visibili ma devastava l’anima e il cuore, anche per via della sua incomprensibilità. Come può una mamma fare una cosa simile ai suoi figli?

Soltanto oggi, da persona matura e adulta, Ema Stokholma è riuscita a ipotizzare la causa del comportamento della madre. Questo di certo non la giustifica, ma quanto meno aiuta a comprendere e a farsene una ragione. A quanto pare la donna aveva avuto due figli – Ema e suo fratello – da giovanissima, da un uomo che amava moltissimo e che poi l’aveva abbandonata, lasciandola sola con due bimbi piccoli da crescere.

Evidentemente la sua psiche non era riuscita ad attutire il colpo e da qui la sua totale instabilità, che portava la figlia a scappare in continuazione da lei fin da quando aveva appena sette anni.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Rossella Martielli

Rossella Martielli - A giudicare da quanto l'intervista di Silvia Toffanin è stata commentata sui social, il dramma di Ema Stokholma non ha scosso solo la conduttrice di Verissimo, ma anche migliaia di telespettatori. Come una madre possa riuscire a fare una cosa del genere alla propria figlia è incomprensibile ai più, ed è proprio questa fascinazione oscura del male ad attrarre chi vorrebbe comprendere e quindi prevenire certi episodi, ma capisce che - come dimostra l'esperienza della deejay - quasi mai questo è possibile.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!