Iscriviti

Totti su De Filippi e Costanzo: "Mi hanno quasi cambiato la vita"

Una corposa intervista concessa da Totti a Vanity Fair, in cui confessa le sue ansie, le sue paure e il suo passato, ma soprattutto parla della De Filippi e Costanzo e di come lo hanno aiutato.

Gossip
Pubblicato il 17 ottobre 2020, alle ore 19:51

Mi piace
0
0
Totti su De Filippi e Costanzo: "Mi hanno quasi cambiato la vita"

Non sono passati molti giorni da quando si è appresa la dolora notizia della perdita del padre di Francesco Totti. Oggi l’ex calciatore giallo rosso, ha concesso una corposa intervista al noto magazine “Vanity Fair“, dove confessa quali sono le sue ansie e le sue paure, ma soprattutto fa una dichiarazione inedita a proposito di due personaggi molto famosi.

Totti negli anni è cambiato molto, come afferma egli stesso; oggi infatti il capitano si dichiara di saper gestire molto meglio la sua permalosità, praticando l’ironia. In passato infatti Totti, nonostante il suo carattere mite e di buon cuore, se c’era una cosa che non riusciva a praticare, era proprio l’autoironia, recriminando su ogni critica e su ogni episodio che viveva.

Il consiglio di Maria De Filippi e Costanzo

Poi un giorno arriva un consiglio da una coppia che Totti stima molto, ovvero Maria De Filippi e suo marito Maurizio Costanzo. Nell’intervista infatti, Francesco confessa: “Poi ho avuto un incontro che mi ha cambiato la prospettiva delle cose. Qualcuno mi ha suggerito che l’ironia mi avrebbe reso l’esistenza più leggera“.

Il marito di Ilary Blasi continua la sua dichiarazione, affermando: “Furono bravi a farmi capire che da un atteggiamento diverso nei confronti della pressione avrei potuto trarre solo giovamento – aggiungendo anche – non dico che da quel giorno mi sia cambiata la vita, ma quasi“. Oggi “il capitano” è riuscito a gestire meglio il suo carattere, vivendo la vita in modo molto più rilassato, con tanto di autoironia, che di certo nella vita non fa mai male.

Viene poi affrontare un argomento molto delicato per Totti, ovvero quando venne il giorno di dover dire addio al mondo del pallone. Quello, confessa l’ex calciatore, fu un giorno molto sofferto, soprattutto per la paura dell’incognito del futuro. Francesco infatti afferma che non sapeva ancora cosa lo aspettava, una volta appesi gli scarpini al chiodo.

Totti: il ritiro e la paura della morte

Inizialmente fu la moglie Ilary a tentare di convincere Francesco ad abbandonare il suo ruolo all’interno del campo di gioco, per dedicarsi a un posto più dirigenziale, tanto che gli diceva: “Devi smettere, hai quarant’anni, inizia a pensare a cosa devi fare dopo“. Non era così semplice per Francesco, non dopo aver dato tutto nel mondo del calcio.  Quando giunge il momento di smettere di inseguire un pallone, Francesco afferma che ci si sente come: “nuotare senza braccioli”.

Oggi sembra che Francesco abbia vinto le sue ansie, ma alla domanda su cosa avesse più paura in questo momento, Totti risponde di aver paura della morte, continuando che è una paura che condivide oggi con miliardi di persone, anche se è un destino inevitabile, che prima o poi tocca a tutti.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Carmine Solmonese

Carmine Solmonese - Uno dei giocatori più in gamba di sempre, sia dentro che fuori dal campo. Un padre esemplare, un fuoriclasse con la palla. Totti è una persona semplice, per questo è amato da tutti; non finge la sua bontà e la sua simpatia, è sempre stato un giocatore umile e allo stesso tempo genuino.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!