Iscriviti

Raoul Bova a processo per aggressione: è accusato di minacce e violenza personale

Durante una lite stradale subito degenerata in una vera e propria rissa, il noto attore romano avrebbe aggredito e minacciato di morte un automobilista

Gossip
Pubblicato il 20 gennaio 2022, alle ore 10:34

Mi piace
2
0
Raoul Bova a processo per aggressione: è accusato di minacce e violenza personale

Ascolta questo articolo

Oggi per Raoul Bova c’è stata la prima udienza che lo vede come imputato in un processo dove è accusato di violenza privata, lesioni personali e minacce. Avrebbe infatti minacciato di morte e aggredito con un pugno, strattonandolo, un automobilista romano, l’avvocato Matteo Vincenzo Cartolano. Tra i due c’era stata una lite che si era presto trasformata in una vera aggressione; Bova, soprattutto, dalle parole era passato ai fatti.

Gli eventi incriminati risalgono al 2019, per la precisione al 27 aprile. L’attore e la compagna, l’attrice di origini spagnole Rocìo Munoz Morales, erano stati a pranzo in un ristorante di Roma situato in zona San Giovanni, nei pressi del mercato di via Amiterno. La coppia stava camminando verso il parcheggio dove aveva lasciato l’auto, quando un’altra vettura è sopraggiunta a tutta velocità e ha sfiorato la Morales, rischiando di fatto di investirla.

Raoul Bova a precesso: aggredì un uomo perché aveva rischiato di investire Rocìo

Alla guida dell’auto c’era Matteo Vincenzo Cartolano, 42enne avvocato romano che poi si era fermato per accertarsi che fosse tutto a posto. A quel punto Raoul Bova si sarebbe avvicinato alla portiera con fare minaccioso. “Hai visto cosa hai fatto?” avrebbe urlato all’indirizzo dell’uomo che con la sua guida spericolata aveva messo a repentaglio la vita della compagna.

La discussione tra i due sarebbe degenerata molto rapidamente, con Bova che strappava il telefono di mano a Cartolano, strattonandolo e tirandolo fuori dall’abitacolo. “Ti ammazzo” avrebbe urlato. E poi, tirandogli un pugno contro la spalla: “Ora ti sistemo”. A seguito dell’aggressione da parte di Bova, l’uomo è stato visitato da un dottore che gli ha refertato cinque giorni di prognosi.

Ma anche Cartolano dovrà rispondere a accusa molto grave: quella di violenza privata per via della manovra azzardata e pericolosa con la quale avrebbe potuto investire la Morelas, che nel processo si è costituita parte civile. La seconda udienza del processo che vede imputato Raoul Bova è prevista per il prossimo 10 maggio.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Rossella Martielli

Rossella Martielli - Capisco la rabbia di Raoul Bova, soprattutto perché ha avuto paura per la compagna, ma in certe situazioni sarebbe meglio cercare di riacquistare rapidamente la lucidità, perché si rischia di fare danni seri e di passare dalla parte del torto. Ma questo non diminuisce le colpe dell'automobilista, che con la sua guida spericolata avrebbe potuto investire e uccidere qualcuno.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!