Iscriviti

Raffaella Carrà: “Ecco perché sono diventata un’icona gay"

Raffaella Carrà è considerata una vera e propria icona gay, come ha lei stesso ammesso con piacere ed orgoglio. Ma vi siete mai chiesti perché? Ecco i motivi.

Gossip
Pubblicato il 2 marzo 2018, alle ore 11:34

Mi piace
11
0
Raffaella Carrà: “Ecco perché sono diventata un’icona gay"

Raffaella Carrà è scomparsa da un po’ dai riflettori e dai programmi televisivi. La popolare conduttrice e showgirl è considerata come uno dei personaggi più celebri e amati della televisione italiana. Si sà, che la donna non si è mai sposata e non ha mai avuto figli, ma sono noti i due legami affettivi molto forti con Gianni Boncompagni, e la lunga storia d’amore con Sergio Japino.

Raffaella Carrà si definisce come un’icona gay, dal momento in cui è molto apprezzata dalla comunita LGBT. Molto probabilmente questo è successo per la storia personale di Raffaella Carrà, che ha più volte deciso raccontare durante le interviste a lei rivolte. La Carrà è infatti stata cresciuta da due persone dello stesso sesso, la madre e la nonna.

La popolare conduttrice ha spesso ammesso di aver avuto un padre assente, e di essere stata cresciuta dalle due donne più importanti della sua vita. Con il padre, la Carrà ha avuto un rapporto molto complicato, e da adolescente ha ammesso di aver avuto non pochi problemi nell’approccio con i ragazzi. Da ragazza infatti preferiva uscire con amici gay, e questo ha influenzato parecchio le sue idee sull’omosessualità.

Raffaella ha raccontato più volte di vergognarsi molto del fatto di non aver nessuna figura maschile di riferimento, e che il padre le telefonava ogni tanto per sapere se era ancora vergine. Se così non fosse stato, il padre la minacciava di toglierla alla madre e di non mandarla più al centro sperimentale di cinematografia di Bologna, alla quale partecipava con dedizione ed entusiamo. Questo fatto la terrorizzava e le minacce ricevute dal padre non facevano altro che farle perdere la fiducia negli uomini.

Proprio per questo, Raffaella ha ammesso che fino a 18 anni, non si è mai lasciata toccare da nessun ragazzo, uscendo solo con quelli omosessuali. “Perchè quando in sala (cinematografica )faceva buio, non cercavano di tastarti” – ha rivelato.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Ivana Currao

Ivana Currao - Io credo che la figura maschile sia veramente importante per una figlia. La figura del padre è la prima figura maschile che vedi fin dalla nascita, e secondo me questa influenza tantissimo la personalità ed il modo di approcciarsi con gli altri uomini. Credo sia una donna molto forte ed in gamba.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!