Iscriviti

Primo Natale senza Nadia Toffa, il racconto commosso di mamma Margherita

La mamma di Nadia Toffa, Margherita Rebuffoni, si racconta a cuore aperto nel corso di una recente intervista, dove ha svelato nuovi inediti sulla figlia.

Gossip
Pubblicato il 19 dicembre 2019, alle ore 00:58

Mi piace
9
0
Primo Natale senza Nadia Toffa, il racconto commosso di mamma Margherita

Primo Natale senza Nadia Toffa, la conduttrice de “Le Iene” che ci ha lasciati lo scorso agosto a causa di una brutta malattia, contro cui ha combattuto coraggiosamente come una guerriera per molto tempo. A raccontare dell’amata inviata è stata ancora una volta la mamma, Margherita Rebuffoni, che ha rilasciato una lunga e bella intervista alla nota testata giornalistica “Corriere della Sera”.

Il racconto della mamma di Nadia emoziona e ci racconta di alcuni inediti di Nadia, come ad esempio il fatto che la Iena credesse nella reincarnazione. In seguito a questo la signora Toffa riesce a percepire la presenza e la vicinanza della figlia, tanto da parlare con lei come se fosse ancora tra noi.

Il dolore di mamma Margherita

L’aver vissuto a stretto contatto con la figlia durante il periodo della sua malattia, ha portato la signora Toffa ad aprirsi a nuovi mondi, una lezione di vita importante che le ha lasciato Nadia e che ora le serve come non mai per poter andare avanti e cercare di convivere con il dolore di una perdita inaccettabile per una madre, quale può essere la morte di un figlio.

Ho imparato di più in quell’anno e mezzo con lei che in tutta la mia esistenza” – dice la signora Margherita, per poi aggiungere – “Avrei fatto qualunque cosa per accontentarla e lei mi ha permesso di accudirla”. Sulle pagine del Corriere della Sera la mamma di Nadia ricorda i momenti più difficili vissuti insieme alla figlia nell’ultimo anno e mezzo.

Un periodo apparentemente breve, ma che invece rappresenta tantissimo per chi non ha speranza di sopravvivere. Margherita ammette di aver detto una bugia a Nadia, cioè quella che non si sentiva molto bene e che aveva bisogno di un ricovero in una casa di cura per degli accertamenti. Madre e figlia si erano promesse di non lasciarsi mai, così Nadia seguì la madre nel presidio ospedaliero, dove è poi venuta a mancare, attorniata dall’affetto della sua famiglia.

Abbiamo sempre visto e pensato Nadia come una persona grintosa e solare; la mamma di Nadia ha voluto condividere con i lettori del Corriere della Sera un’immagine diversa, più fragile della Iena: “Lei non lo ammetteva, ma alla fine era molto debole. Non voleva più incontrare gli amici, per non farsi vedere ammalata“.

La signora Toffa è poi tornata sulla vita sentimentale della figlia, ribadendo che Nadia si era innamorata di un uomo dolcissimo, poi allontanato con delle scuse. Una decisione che è stata compresa dall’ex compagno e rispettata. Tra le grandi eredità che Nadia ha lasciato alla mamma c’è anche quella della consapevolezza del sè, cioè dell’autostima. La signora Margherita racconta infatti che Nadia le diceva: “Mamma, ricordati che esisti. E quando non ci sarò più la tua vita deve andare avanti, perché la vita è sacra. Non sprecarne nemmeno un minuto. Io ti starò accanto“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Tiziana Terranova

Tiziana Terranova - Ha ragione la signora Margherita nel dire che i genitori che hanno dovuto subire la perdita di un figlio sono persone mutilate. Non ci si abituerà mai alla perdita chi chi abbiamo amato, perché è e sarà sempre una ferita aperta, esposta. L'eredità che Nadia ci ha lasciato sono le sue idee, le sue battaglie, che in tanti proseguiranno. Ed è grazie a questo impegno e al cambiamento che è riuscita ad innestare in molti di noi che vivrà per sempre.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!