Iscriviti

Pedro Almodovar parla dei tentativi di molestie subite dai preti pedofili

Come tante altre star del cinema, anche Pedro Almodovar ha dei precisi ricordi d’infanzia legati al triste fenomeno delle molestie sessuali. Come da lui raccontato a “Vanity Fair”, a tentare di abusare di lui furono dei preti pedofili.

Gossip
Pubblicato il 9 maggio 2019, alle ore 21:58

Mi piace
11
0
Pedro Almodovar parla dei tentativi di molestie subite dai preti pedofili

L’uscita del nuovo film “Dolor y Gloria” diventa per Pedro Almodovar l’occasione più propizia non solo per parlare della sua ultima fatica, ma anche per far riaffiorare alcuni suoi ricordi del passato. Come confessato per mezzo di un’intervista rilasciata a Vanity Fair, la pellicola di chiara impronta autobiografica narra delle vicende di un anziano regista intenzionato a tracciare il bilancio della sua vita.

Ma proprio citando il contenuto di questo film, che avrà come protagonista Antonio Banderas, il cineasta spagnolo non può non tornare alla sua adolescenza, quando ha visto con i propri occhi quello che è stato il dramma delle molestie su minori. “Avevo 10 anni e con i miei coetanei in camerata, di notte, ci raccontavamo le nostre esperienze. Mi ricordo di almeno venti bambini che vivevano nel collegio ed erano stati molestati”, ha dichiarato il filmmaker iberico.

Anche lui divenne il bersaglio di un prete che in cortile gli dava sempre la mano affinché potesse baciargliela. Ma il regista de “La mala educacion” non si è mai piegato, riuscendo a scappare sotto i portici del chiostro. Da qui si spiega perché quando era solo non camminava ma preferiva correre. Lui, come tanti altri, aveva paura di quelle attenzioni fuori luogo, che nel giro di poco divennero di pubblico dominio.

Ciononostante i colpevoli riuscirono a farla franca. Non ci furono punizioni, ma semplici trasferimenti che misero a tacere una situazione sempre più incresciosa. Come da lui ricordato, chi si macchiava di quelle nefandezze era ben al corrente che non gli sarebbe mai accaduto nulla di preoccupante. A dominare era infatti la regola del silenzio, “perché così accade da sempre: si coprono l’un l’altro”.

Solo una volta ebbe il coraggio di parlarne con un confessore, che dopo avergli chiesto di avere comprensione gli disse di non parlarne mai con nessuno. Non a caso aggiunge che la situazione odierna non è poi molto diversa da quella di allora. Proprio per questa ragione ritiene che il Papa non stia facendo a sufficienza per contrastare un problema che si potrebbe quasi del tutto eliminare con l’abolizione del celibato sacerdotale.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - Purtroppo le molestie sui minori da parte di preti e sacerdoti rimangono una delle più grosse piaghe della Chiesa Cattolica, che solo oggi sta incominciando a fare mea culpa. Per fortuna, però, rispetto ad un tempo non si ha più paura di parlare di questo dramma sconcertante che ha segnato la vita di tanti giovani innocenti. Ad ogni modo, resta ancora molto da fare, ma quantomeno qualcosa sta incominciando a smuoversi.

Lascia un tuo commento
Commenti
Rachidy Akram
Rachidy Akram

12 maggio 2019 - 20:45:30

ciao momo

0
Rispondi
Rachidy Akram
Rachidy Akram

12 maggio 2019 - 20:47:35

ciao momo

0