Iscriviti

Nuove accuse di stupro per il presidente Trump

La giornalista statunitense Jean Carrol accusa Trump di uno stupro vecchio quasi ventitré anni. Lui risponde dicendo di non averla mai conosciuta: "vuole solo attirare l'attenzione su di se per vendere più libri".

Gossip
Pubblicato il 22 giugno 2019, alle ore 14:20

Mi piace
8
0
Nuove accuse di stupro per il presidente Trump

Jean Carrol è una delle più famose opinioniste statunitensi e nel suo curriculum può vantare anche una collaborazione con la rivista Elle, ma è anche la giornalista che ha accusato il Presidente Donald Trump di stupro. A suo dire, gli avvenimenti sono da collocarsi a Bergdorf and Goodman, uno dei grandi magazzini più lussuosi degli Stati Uniti, alla fine del 1995 o all’inizio del 1996: quasi ventitrè anni fa. All’epoca entrambi avevano circa cinquant’anni e lui era sposato con Marla Maples.

I due cominciano a conoscersi e lui le dice di dover comprare un regalo per una ragazza. A questo punto, scherzando, cominciano a provare della lingerie femminile, fino a quando non si recano nello spogliatoio dove, secondo le accuse della famosa giornalista, Donald l’avrebbe stuprata.

La donna afferma di aver raccontato l’incidente a due amici ma, nonostante il consiglio da parte di uno di essi di rivolgersi alla polizia, lei ha preferito tenersi tutto per sè, dato l’enorme potere che già allora l’uomo possedeva. Per la giornalista, Trump è stato il suo ultimo “uomo orribile” e da allora non è più riuscita ad entrare in relazioni intime con nessuno.

Il signor Trump si difende dicendo che non ha mai incontrato quella donna in vita sua e che la notizia altro non è che uno stratagemma per riuscire a vendere più copie del suo nuovo libro. Inoltre il presidente ha voluto aggiungere: “Vergogna a coloro che inventano false storie di aggressione per cercare di farsi pubblicità per sé stessi, o vendere un libro, o portare a termine un piano politico. Ed altrettanto grave per le persone crederci, in particolare quando non ci sono prove“.

Successivamente conclude il discorso ringraziando Bergdorf and Goodman per aver affermato di non aver alcun filmato in merito agli avvenimenti per i quali è stato accusato.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Rosy Manganelli

Rosy Manganelli - La notizia è fresca di stampa, ma ha già fatto il giro del pianeta. Forse è troppo presto per esprimere un vero e proprio giudizio e in ogni caso non spetta a me farlo. Quello che è facilmente rimarcabile è che non è la prima volta che Il Presidente degli USA viene accusato di un reato simile, anzi, tutti gli scandali che lo circondano non fanno altro che renderlo un personaggio sempre più controverso.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!