Iscriviti

Michelle Hunziker: a salvarla dalla setta furono Enzo Biagi e Antonio Ricci

A confessarlo è stato Giancarlo Aneri per mezzo di un’intervista rilasciata al Corriere della Sera. Come da lui ricordato, la showgirl di origini svizzere riuscì a venirne fuori grazie anche al contributo di queste due colonne della televisione italiana.

Gossip
Pubblicato il 25 marzo 2019, alle ore 13:25

Mi piace
14
0
Michelle Hunziker: a salvarla dalla setta furono Enzo Biagi e Antonio Ricci

Poco più di un’anno fa, Michele Hunziker rivelò alla stampa di essere stata vittima di una setta. Dopo esserne stata attratta, la conduttrice televisiva divenne succube di una santona di nome Clelia e delle disposizioni impartite dai suoi guerrieri della luce. Per cinque anni ne divenne una prigioniera incapace di ribellarsi, tanto da arrivare ad allontanarsi anche dalle persone per lei più care.  

Tutto ebbe inizio quando poco più che 20enne e felicemente sposata con Eros Ramazzotti, incominciava a perdere ovunque i propri capelli. Fu dopo alcune sedute di pranoterapia che arrivò a conoscere Clelia, la quale le diagnosticò il motivo della sua malattia. Michelle aveva infatti interrotto i rapporti con il padre alcolizzato, una trauma che l’aveva segnata e dal quale non riusciva a riprendersi. Ricucendo con lui lo strappo, ebbe così modo di superare una ferita interiore che si portava dall’adolescenza, ma per sua sfortuna il padre morì poco dopo, abbandonandola di fatto nelle mani della sua guaritrice. Fu quindi lei a plagiarla fino a renderla prigioniera della setta. 

Michelle ha però trovato la forza di imporsi, mettendosi alle spalle questo momento buio dopo non poche difficoltà. Sul punto ha anche potuto contare sulla valida collaborazione di Enzo Biagi e Antonio Ricci, due dei più importanti personaggi della storia della televisione italiana. 

A rivelare questo dettaglio è stato Giancarlo Aneri, uno dei più grandi imprenditori nostrani del campo dei vini. Lui, considerato il coppiere di potenti del calibro di Obama, Putin e Berlusconi, per mezzo di un’intervista rilasciata al Corriere della Sera non ha nascosto quale sia stato il loro contributo, un sostegno senza il quale Michelle Hunziker rischiava di non aver più modo di risollevarsi.  

Enzo Biagi, il giornalista e scrittore morto nel 2007 all’età di 87 anni, era infatti sempre disposto ad ascoltarla e tenderle la mano mentre lei raccontava le sue peripezie. Anche Antonio Ricci fu colpito dalla sua storia, non a caso “con la sua trasmissione Striscia la notizia, si schiera sempre con i deboli e fa paura ai forti. Ha salvato Michelle, assieme a Biagi. Ha anche organizzato una campagna di informazioni contro le sette”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - Spesso nei momenti di difficoltà è facile cadere tra le braccia delle persone sbagliate. A quel punto si vorrebbe una risposta rapida e convincente, che il più delle volte nessuno può garantirci. In questi frangenti i ciarlatani sanno come muoversi e come farsi strada, abusando della buona fede delle proprie vittime. E' stata la stessa Hunziker ad ammettere che sarebbe stato meglio rivolgersi ad un vero psicologo, che probabilmente avrebbe risolto senza ulteriori traumi il suo problema.

Lascia un tuo commento
Commenti
Giovanni Zurloni
Giovanni Zurloni

28 marzo 2019 - 13:58:49

La Hunziker non sa più cosa fare per farsi una continua campagna di marketing e rimanere sulla cresta dell’onda. Vi segnalo questo interessante link http://antisette.blogspot.com/2018/02/antisette-hunziker-bongiorno-doppiadifesa.html

0
Rispondi