Iscriviti

Michele Bravi, arriva la sentenza: patteggiamento di un anno e mezzo per omicidio stradale

Si è concluso il processo che ha visto protagonista il noto cantante Michele Bravi dopo il terribile incidente del Novembre 2018. Ecco le sue parole in merito.

Gossip
Pubblicato il 9 luglio 2020, alle ore 18:12

Mi piace
9
0
Michele Bravi, arriva la sentenza: patteggiamento di un anno e mezzo per omicidio stradale

È già passato più di un anno e mezzo dal 22 Novembre 2018, giorno in cui Michele Bravi fu coinvolto in un incidente stradale bruttissimo, durante il quale purtroppo perse la vita una donna di 58 anni che si trovava a bordo della sua moto. Durante questo periodo si sono svolte le indagini e qualche ora fa è terminato il lungo processo che ha visto protagonista il noto cantante.

Stando alle notizie divulgate da ANSA e dalle più note testate giornalistiche, la sentenza definitiva si è conclusa con un patteggiamento di un anno e sei mesi per omicidio stradale. Il gup di Milano, Aurelio Barazzetta, ha ratificato il patteggiamento di un anno e sei mesi per il cantante Michele Bravi. La decisione prevede la sospensione e la non mensione della pena nel casellario giudiziale. Durante la scorsa udienza, l’avvocato difensore di Michele Bravi aveva presentato la proposta di patteggiamento che è stata adesso accolta dal giudice.

Michele Bravi era sparito subito dopo il tragico incidente, per poi riapparire nel piccolo schermo durante la trasmissione “Amici Speciali”, andata in onda qualche mese fa. Durante il talent show, Michele Bravi ha raccontato di aver vissuto un periodo tremendo e ha ringraziato più volte la padrona di casa, Maria De Filippi, per avergli dato la possibilità di ricominciare.

Qualche mese fa, Michele Bravi si era concesso ad una lunga intervista per “Vanity Fair”, raccontando ai giornalisti che aveva deciso di accettare il patteggiamento, che ai tempi era solo una proposta suggerita dal suo difensore Manuel Gabrielli.

“Prendersi la colpa è la scelta di questa consapevolezza. Mi interessava poter chiudere, almeno legalmente. Per interrompere questo ciclo di dolore. Non avevo previsto il rinvio. Non ho interesse a lottare per anni rispetto ai tempi della giustizia. Sono tutelativi, ma ogni rinvio è un pugno sullo stomaco. Per me e per l’altra famiglia. In quell’incidente abbiamo già perso tanto” – erano state le sue parole.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Ivana Currao

Ivana Currao - Sicuramente Michele Bravi deve aver vissuto un vero e proprio incubo dal quale non è facile rialzarsi. Sono contenta che sta cercando di reagire e che si è fatto vedere durante la trasmissione "Amici Speciali", all'interno della quale ha dimostrato di avere un grande talento nel canto. In bocca al lupo!

Lascia un tuo commento
Commenti
Maria Guerricchio
Maria Guerricchio

09 luglio 2020 - 22:07:33

A me lui sembra proprio un bravo ragazzo che ha sofferto molto per l'accaduto

0
Rispondi
Maria Guerricchio
Ivana Currao

10 luglio 2020 - 01:57:15

Si infatti

0