Iscriviti

Melanie Trump quando arrivò alla Casa Bianca: “È una discarica”

Nella biografia di Stephanie Winston, ex consigliera della first lady Melanie Trump, si fa luce su alcuni sorprendenti retroscena legati al difficile carattere dell’ex modella slovena, inevitabilmente destinati a far molto discutere.

Gossip
Pubblicato il 31 agosto 2020, alle ore 13:19

Mi piace
12
0
Melanie Trump quando arrivò alla Casa Bianca: “È una discarica”

Per Melania Trump, la Casa Bianca altro non era che una discarica. A rivelarlo è Stephanie Winston Wolkoff, ex consigliera e amica della first lady, che nella sua biografia intitolata “Melania and Me: My years as confident, advisor and friend to the First Lady, non ha lesinato alcuni aneddoti scioccanti che hanno per oggetto la moglie del tycoon.

Stando a quelle che sono le anticipazioni di questo libro in uscita a settembre, Melania Trump, dopo aver visto di persona il bagno della Casa Bianca, sarebbe rimasta talmente traumatizzata da essersi rifiutata di trasferirsi a Washington DC. Come aggiunto dall’ex consigliera che nel 2017 aveva organizzato la cerimonia di inaugurazione del 45esimo presidente degli Stati Uniti, Melania ha categoricamente richiesto di ridisegnare e rinnovare la dimora in cui risiede l’uomo più potente del mondo.

Precisando che “non era disposta a usare lo stesso bagno degli Obama o di chiunque altro”, ha imposto di modificare sia la camera da letto che il bagno, imponendo l’installazione di nuovi servizi igienici. Ridipingendo e ridecorando tutti gli ambienti, l’ex modella slovena si è quindi mossa con l’intenzione di far apparire gli ambienti nuovi di zecca.

A quanto pare, oltre a voler dare una nuova immagine ad uno degli edifici più famosi del mondo, Melania Trump ha anche voluto mettere fine a tutto quanto potesse essere ricondotto ai precedenti inquilini. “Lei è la moglie del presidente e non si aspettava di doversi accontentare di roba usata e di seconda mano ha precisato l’ex consigliera cacciata allorché la stampa gridò allo scandalo per i 26 milioni di dollari da lei spesi per la cerimonia di insediamento di Donald Trump. 

Ma oltre ad essere descritta come una persona particolarmente esigente e schizzinosa, nel libro non mancano i riferimenti alla guerra fredda che contrappone Melania alla figliastra Ivanka. La first lady farebbe infatti di tutto per boicottare l’ascesa della figlia prediletta del marito, da lei chiamata con disprezzo “principessa.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - Non c’è che dire: sul conto di Donald Trump e della sua famiglia, i pettegolezzi di sprecano. Melania ha sempre dato l’impressione di volersi tenere il più possibile lontano dal marito e dalle persone a lui più strette, in primo luogo dalla figliastra Ivanka. La biografia non farà altro che confermarlo, mettendo in risalto quanto sia incontentabile e snob.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!