Iscriviti

Lucarelli attacca "Chi" dopo aver cercato di vendere a Signorini foto rubate

Domani è prevista la sentenza per Selvaggia Lucarelli, Guia Soncini e Gianluca Neri: la procura ha chiesto un anno di detenzione. L'opinionista ha attaccato la rivista "Chi" sulla pagine de "Il Fatto quotidiano": tempismo sospetto.

Gossip
Pubblicato il 16 luglio 2017, alle ore 22:25

Mi piace
8
0
Lucarelli attacca "Chi" dopo aver cercato di vendere a Signorini foto rubate
Pubblicità

Selvaggia Lucarelli, l’apparente irriverente giornalista, ha attaccato in prima pagina, sul “Fatto quotidiano”, la rivista “Chi”, diretta da Alfonso Signorini, rea di aver pubblicato lo scoop su Elisa Isoardi, la ragazza di Matteo Salvini, che bacia l’avvocato Matteo Placidi: sentenzia che il mandante delle foto sia Silvio Berlusconi. “Serve una foto grazie alla quale un leader suo avversario faccia la figura del leader sì, ma dei cornuti? Ci pensa Chi. Lo strumento con cui Silvio accarezzerà i vecchi e nuovi alleati e asfalterà il nemico“.

Una critica che la Lucarelli avrebbe decisamente potuto evitare: la puzza di vendetta si percepisce da lontano. La sentenza per Selvaggia Lucarelli, Guia Soncini e Gianluca Neri, dovrebbe giungere domani: sono accusati di concorso in intercettazione abusiva, detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso “al fine di procurare a sè o ad altri un profitto o di arrecare ad altri un danno“,  accesso abusivo a sistema informatico e violazione della privacy, la Procura ha chiesto un anno di carcere.

Usando l’account dell’amica Federica Fontana ha sottratto 191 fotografie scattate nel 2010 a Villa Oleandra, la favolosa residenza sul lago di Como di George Clooney, per la festa di compleanno  di Elisabetta Canalis. Gli investigatori della Procura hanno appurato che l’amico della Lucarelli Gianluca Neri – noto blogger conosciuto come “Macchianera” – ha rubato le foto dalla mail di una delle invitate e le ha cedute all’opinionista che ha chiesto 120 mila euro a “Chi” per pubblicarle.

Signorini, carpendo l’incredibile scoop, aveva accettato, entusiasta: a breve comprese che le foto erano di provenienza dubbia, bloccò tutto. La povera Selvaggia rimase a bocca asciutta

Nella redazione del “Fatto quotidiano”, diretto da Marco Travaglio, non mancano i malumori per la presenza della “spregiudicata” penna della Lucarelli: quando è stata incriminata dalla Procura di Milano in molti non hanno accettato che continuasse a predicare sulla testata del giornale.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Chiara Lanzini

Chiara Lanzini - Selvaggia Lucarelli la troviamo sempre assisa sul proprio scranno: dopo aver compiuto un atto del genere, attaccare Signorini mi pare eccessivo. Lo scoop può effettivamente avere dei risvolti politici, ma chi è la signorina in questione per permettersi ancora di giudicare il direttore di "Chi", che comunque non ha accettato di pubblicare foto rubate, occorre sottolinearlo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!