Iscriviti

Linus parla delle discoteche: "È da imbecilli pensare di non creare assembramenti"

Con un lungo post scritto su Instagram, il direttore artistico di Radio Deejay Linus ha voluto commentare la decisione sulla chiusura delle discoteche.

Gossip
Pubblicato il 17 agosto 2020, alle ore 15:22

Mi piace
5
0
Linus parla delle discoteche: "È da imbecilli pensare di non creare assembramenti"

Gli ultimi contagi hanno costretto il Governo Conte a prendere ulteriori provvedimenti per cercare di evitare il secondo lockdown in Italia. Infatti nella giornata di ieri è stato modificato nuovamente il decreto ministeriale in cui vengono chiuse tutte le discoteche, le sale da ballo ed i locali assimilati fino al 7 di settembre.

Un’ulteriore modifica è stata quella di rendere obbligatoria la mascherina nella fascia d’orario delle 18:00 del pomeriggio fino alle 6 del mattino. Con questo stop sarà riconosciuto un sostegno economico alle attività costrette allo stop che dovrebbe aggirarsi attorno ai 100 milioni in totale da suddividere a ogni famiglia.

Il duro attacco di Linus

Uno dei primi a commentare questa decisione è stato Linus, conduttore radiofonico e televisivo oltre che direttore artistico di Radio Deejay dal 1996. Il disc jockey ha attaccato duramente la decisione del Governo e delle regioni di riaprire ai tempi tutte le discoteche, sottolineando l’impossibilità di mantenere il distanziamento sociale in questi luoghi.

Con un lungo post scritto su Instagram, Linus non si risparmia con nessuno: “Ho dovuto mordermi la lingua in queste settimane per evitare di infilarmi in polemiche di cui proprio faccio volentieri a meno, ma adesso che è stata presa la decisione posso chiedermi…ma quale imbecille di politico, governatore, sindaco o questore poteva pensare che si potessero aprire e non avere assembramenti?!? I gestori delle discoteche non sono esattamente una categoria al di sopra di ogni sospetto, ma come puoi pensare che la gente in un locale non faccia quello per cui c’è andata, cioè stare insieme?”.

Ricorda che a Ibiza, un’isola spagnola famosa soprattutto per la vivace vita notturna nelle città di Ibiza e Sant Antoni, hanno avuto il coraggio di tenere chiuse tutte le discoteche riducendo così al minimo storico i turisti. Infine ricorda che i ragazzi possono divertirsi in altri mille modi diversi, mentre a oggi si può vivere benissimo senza eandare in una discoteca.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Emanuele Novizio

Emanuele Novizio - La scelta della riapertura delle discoteche è stata fatta soprattutto per dare un rilancio all'economia nel nostro paese, ma alcuni luoghi, che possono proprio causare delle zone di assembramento, dovevano restare assolutamente chiuse. Le discoteche non sono un bene primario, e questa decisione di chiusura poteva durare anche nei prossimi mesi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!