Iscriviti

Liam Neeson parla di uno scioccante episodio del suo passato: “Volevo uccidere un nero per vendetta”

In occasione della promozione di "Cold Pursuit", l’ultimo film di Liam Neeson, incentrato su una storia di vendetta, l’attore irlandese ha parlato di un episodio del suo passato, in cui egli stesso ha voluto farsi giustizia da solo a seguito di uno stupro.

Gossip
Pubblicato il 6 febbraio 2019, alle ore 23:21

Mi piace
12
0
Liam Neeson parla di uno scioccante episodio del suo passato: “Volevo uccidere un nero per vendetta”

Liam Neeson deve molto del suo successo al film “Schindler’s list“, pellicola del 1993 diretta da Steven Spielberg, avente per oggetto il dramma dell’olocausto. Ma oltre a quella storica pellicola, l’attore irlandese ha preso parte a numerosi altri film, tra cui la trilogia di Taken, dove spesso ha dovuto recitare scene di violenza e brutalità.

Anche “Cold Pursuit“, il suo ultimo film, ha per oggetto una storia di vendetta, un tema che l’attore sembra aver già sperimentato sulla propria pelle. Grazie all’intervista promozionale rilasciata all’Independent, Liam Neeson ha infatti avuto modo di rievocare un episodio del suo passato, in cui egli stesso è stato accecato dalla sete di vendetta.

Come si può apprendere leggendo l’intervista, tutto ha avuto inizio nel momento in cui una donna a lui vicina è stata stuprata da un uomo di colore. Sconvolto dalla notizia, il 66enne interprete di “Scommessa con la morte” ha deciso di farsi giustizia da solo e  di vendicarsi a modo suo.

Ho iniziato ad andare su e giù di notte per le periferie con un bastone sperando di essere avvicinato da qualcuno, mi vergogno di dirlo, e l’ho fatto tipo per una settimana, sperando che qualche ‘bastardo nero’ uscisse da un pub e mi provocasse in qualche modo, sai? Così avrei potuto ucciderlo”, ha dichiarato Liam Neeson. In questi casi mentiva dicendo che si sarebbe assentato per fare una passeggiata, ma in verità le sue intenzioni erano decisamente molto più bellicose.

A distanza di anni, il candidato all’oscar nel 1994 come miglior attore riconosce di aver sbagliato. Allo stesso tempo ammette che non è stato semplice trovare la forza per raccontare alla stampa quei momenti terribili del suo passato. Per cercare una forma di discolpa, ha citato i Troubles, in altre parole le violenze degli anni ’60 che in tutta l’Irlanda del Nord provocarono oltre 3mila vittime. Fu proprio quel conflitto a influenzare il suo limite di violenza tollerabile, rendendolo un uomo spietato e brutale.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - Ovviamente una simile dichiarazione non poteva non lasciare il segno. Le sue parole sono state riprese da diversi giornali che lo hanno criticato per le sue idee razziste. Ad ogni modo parliamo di un passato in cui la guerriglia su strada era la consuetudine, così come l’odio e il risentimento. Più che essere giudicato un razzista, la sua è una testimonianza di cosa si possa diventare qualora a prevalere sia l’odio e il desiderio di vendetta.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!